Guarda in anteprima il video di “You’re All You Ever Needed” dei Cult With No Name

Il duo londinese celebra il traguardo del decimo album in quindici anni: Nights in North Sentinel esce su digitale il 13 agosto
Cult With No Name - You're All You Ever Needed - anteprima
Cult With No Name (fonte: ufficio stampa)

Nights in North Sentinel è il nuovo album dei Cult With No Name. Meno di due anni dopo l’uscita dell’acclamato Mediaburn, i ballader elettronici di Londra raggiungono la doppia cifra, con il loro decimo album in meno di 15 anni. Dall’album è estratto il singolo You’re All You Ever Needed. Lo accompagna un videoclip ufficiale che vi presentiamo oggi in anteprima.

Così Erik Stein, metà del duo, descrive il brano: «“Sei tutto ciò di cui hai bisogno”. O forse no? Google è davvero la cura miracolosa? Solo le grandi aziende, e non anche singoli esperti autoproclamatisi, hanno agende segrete su profitto e controllo? E tu sei un collaboratore, ora che “collaborazione” è diventata una parolaccia? Ricorda, solo un rettile può produrre l’elisir».

Notevolmente più elettronico del precedente, l’album Nights in North Sentinel è intriso di atmosfere notturne. La synthwave minimalista di You’re All You Ever Needed ci introduce subito al loro mood, per proseguire con la pulsante darkwave di Noa’s Arc e l’impennata di Home Again che puntano al dancefloor.

Nights in North Sentinel come di consueto per i Cult With No Name presenta ottime collaborazioni. La voce di Kelli Ali (Sneaker Pimps) compare spesso in tutto l’album e Blaine L. Reininger (Tuxedomoon) aggiunge un tocco emozionante all’intensa After the Storm.

L’album uscirà anche in una particolare confezione ispirata alla corrente architettonica del brutalismo, con poster, codice per il download e kit per costruire il proprio jewel case.

Guarda in anteprima il video di You’re All You Ever Needed dei Cult With No Name

Articolo Precedente
Måneskin - foto di Ilaria Ieie

Perché i Måneskin hanno postato un video su Instagram con Iggy Pop?

Articolo Successivo
DaBaby

DaBaby ha chiesto scusa alla comunità LGBTQ+ e ai malati di Aids


Articoli correlati
Total
28
Share