Sace racconta il nuovo album “Flow de D10S”, traccia per traccia

Un progetto molto particolare: lo compongono dieci tracce dalla durata di un minuto, che accompagnano l’ascoltatore in un breve ma intenso viaggio tra suoni street e rap
Sace - FLOW DE D10S - track by track - 1
Sace (fonte: ufficio stampa)

Flow de D10S è il nuovo album del rapper Sace, disponibile su tutte le principali piattaforme digitali da venerdì 20 maggio. Un progetto molto particolare: lo compongono infatti dieci tracce dalla durata di un minuto, che accompagnano l’ascoltatore in un breve ma intenso viaggio tra suoni street e rap.


Ancora una volta Sace utilizza la musica come sfogo artistico, dimostrando un’ulteriore sfaccettatura del suo particolare stile optando per delle vere e proprie “short tracks”, brevi pillole curate nel minimo dettaglio che vanno a comporre il minutaggio inedito dell’album, unendo urban ed elettronica.


L’album di Sace si ispira alla figura di Diego Armando Maradona, come chiaramente suggerisce il titolo ma anche il numero di tracce e il minutaggio totale dell’album, con la ricorrenza del numero 10. L’artwork della copertina rimanda all’ambizione del calciatore e riprende la storica foto del goal della mano di Maradona ai danni dell’Inghilterra nei quarti di finale dei mondiali del 1986.

Abbiamo chiesto a Sace di presentarci Flow de D10S traccia per traccia.

Swampers

È un’introduzione dove sin da subito si percepisce l’intensità di uno sfogo che accompagnerà l’ascoltatore lungo tutto il viaggio, musicalmente particolare. Il titolo nasce proprio da queste sonorità cupe, quasi paludose, che rievocano l’immaginario della mia città. Il messaggio risulta abbastanza esplicito, senza mezzi termini.

Kassovitz

L’odio è uno di quei film cult che mi hanno attratto sin da bambino, anche se ovviamente non ero in grado di capire tutte le dinamiche interne alla pellicola, le ambientazioni, i dialoghi. Le musiche mi hanno sempre affascinato. Tra l’intro e la strofa c’è uno spaccato di emozioni contrastanti sia a livello lirico che musicale. Si passa dalla visione di un ragazzo senza speranze verso il futuro che si rispecchia nella vita dei protagonisti, a un inizio di strofa dove invece risultano lampanti l’energia, la determinazione e la voglia di farsi spazio all’interno del rap game.

Flow de D10S

Non volevo citare Maradona in maniera canonica, ho preferito sentirmi libero (proprio come lui in campo) di spaziare tra giochi metrici e punchline varie, accompagnato da un sound coinvolgente che dal vivo potesse creare una vera e propria bolgia da stadio.

Far West

Tra le tracce più di rottura dove ho deciso di sperimentare in maniera insolita. Nonostante duri un minuto, si può godere di tre diversi stati d’animo, ed è forse proprio questa la particolarità del brano. In un primo momento vieni travolto da una goliardia che non è mai stata presente in nessun brano prima d’ora in maniera così evidente. Per poi passare a un rappato più crudo e diretto e concludere infine con un ritornello più soft che quasi ti porta indietro nel tempo, lasciando una nota amara in contrapposizione alle risate presenti nell’intro.

Zlatan

Qui si fa riferimento a un altro GOAT del calcio degli ultimi dieci anni. Oltre a sfoggiare nuovamente metriche e punchline di vario genere, la spocchia e la presunzione che si possono assaporare in alcune barre sono state inserite volutamente proprio per delineare a pieno l’essenza di Ibra, che è genio e sregolatezza ma anche presunzione allo stato puro.

Primo Round

Un richiamo alla vecchia scuola, quello che è stato realmente il mio primo round lungo il percorso musicale iniziato ormai dieci anni fa.

Beluga

È forse il brano che non ti aspetti da questo viaggio, si contrappone un contenuto tendenzialmente e solitamente più aggressivo a un’interpretazione invece più sentita ed emozionante. Indubbiamente è la canzone dove traspare in maniera più evidente il mio vissuto e dove si lascia meno spazio a metriche serrate e punchline.

Malacarne

Forse la mia preferita a livello di sound, nonché quella che più strizza l’occhio al mio futuro artistico.

Fuel

Altro brano, altra sperimentazione. Mi piace sorprendere chi mi ascolta, soprattutto chi lo fa da tempo e questa canzone, proprio come Malacarne, accende un faro sulla direzione delle mie prossime uscite.

Knock Out

La pubblicai quando le sonorità drill in Italia non erano ancora così scontate. Vuole essere un vero e proprio “colpo di grazia”, direi la più grintosa del disco. Il finale lascia intendere che non è finita qui e che questo è solo l’inizio del viaggio.

Sace - FLOW DE D10S - track by track - 2
Sace (fonte: ufficio stampa)

Ascolta Flow de D10S di Sace


Articolo Precedente
Sicily Music Conference, il pubblico al Museo Salinas, una delle sedi del festival. Foto di Daniele Bellanca

Sicily Music Conference: il festival che unisce la Sicilia grazie a una riflessione sulla musica

Articolo Successivo
Sissi

Sissi è "Leggera" nel senso migliore del termine e lo dimostra. L'intervista

Articoli correlati

Total
2
Share