Quentin40: “Dare Gas (Veloce)” è la prima mossa per ricominciare

Il rapper classe 95 riparte da Island per riannodare il filo di una carriera ricca di fiammate e trovare la giusta continuità per Quentin40
Quentin40 / ph: Antonio de Masi

«Giro a pie’ ma non è sopra il cell che voglio un aeropla’». Quentin40 aveva fatto irruzione nelle orecchie del grande pubblico così, sbaragliando il rap game con una delle barre più riconoscibili degli ultimi anni. Il fenomeno Thoiry ha permesso al rapper classe 95 di arrivare ad un pubblico ampio ed eterogeneo, in cui non mancava chi con il rap aveva poca dimestichezza.

Una esplosione impressionante, avvalorata da una cifra stilistica precisa: le rime tronche, croce e delizia del rapper laziale. È sicuramente una pratica che ha permesso a Quentin40 di spiccare e di ricevere gradite reference anche da parti di colleghi illustri – basti pensare al «Dove ho messo la colla’ / Dai non fare la putta’» di Fabri Fibra in 666GAP.

Tuttavia quando il pubblico si trova di fronte ad un segno facilmente distinguibile, tende inevitabilmente a far coincidere un artista molto più variegato con quella stessa caratteristica. Per molti Quentin è rimasto quello delle rime tronche. Anche se le cose sono molto più complesse di così, come dimostrano prove di spessore come Fare Chiasso, tra le perle di Mattoni di Night Skinny.

Nuova fase, nuovo pezzo

Per disintegrare definitivamente le chiavi di lettura più semplicistiche che hanno oscurato altre qualità indiscutibili, il rapper ha iniziato un nuovo percorso firmando con Island. Il primo atto della nuova opera è già stato scritto: Dare Gas (Veloce) è fuori su tutte le piattaforme, accompagnata dal video ufficiale.

Il commento di Quentin40 per Billboard Italia

Quentin40 ha commentato per Billboard Italia l’ultimo periodo e tutta la sua carica nelle rime per il nuovo slancio verso il futuro. Un rilancio che non parte da una prova di stile, ma da qualcosa di più personale:

«Dopo non essere riuscito ad ottenere risultati per molto tempo, ho cominciato a pensare che l’unico modo per tirare fuori qualcosa in più fosse affidarmi al mio cuore, a quello che sento davvero, seguire ció che smuove le mie emozioni quando mi rapporto alla musica.

«È difficile trovare le parole per spiegare quello che la vita non mi ha dato, parole dettate da odio e rancori.. Ho cominciato a sentire sempre di più dentro di me, che non avrebbe portato a nulla»

«Il singolo rappresenta quello che sento e ora più che mai mi rendo conto che quello che esce, quello che viene pubblicato, resta nel tempo. Non mi è mai stato così chiaro. A volte uno, preso da mille cose, non si ricorda che quello che crea rimarrà così, per sempre. Inoltre sono contento di avere iniziato questo nuovo percorso con Island perché la reputo una realtà molto appetibile, segue un gran numero di artisti che stimo».

Ascolta Dare Gas (Veloce)

Articolo Precedente

Il messaggio lanciato dal pubblico a #MartiniLiveBar: «La musica ci serve»

Articolo Successivo

Deal tra LEA e Confindustria Radio Tv sul repertorio iscritto a Soundreef

Articoli correlati
Total
4
Share