Collegati con noi

HIPHOP

En?gma: «Il punto di domanda è il mio manifesto musicale» – L’intervista

A distanza di poco più di un anno dal precedente album, il 23 febbraio è uscito “Shardana”, il nuovo lavoro in studio di En?gma. Il titolo si riferisce a un’antica popolazione di leggendari guerrieri, che En?gma prende come simbolo del suo nuovo percorso

A distanza di poco più di un anno dal precedente album, Indaco, il 23 febbraio è uscito Shardana, il nuovo lavoro in studio del rapper sardo En?gma. Il titolo si riferisce a un’antica popolazione di leggendari guerrieri mistici, citata già dai testi egizi, che En?gma decide di prendere come simbolo artistico e stilistico del suo nuovo percorso: attraverso le sue rime, spesso assai sofisticate, il rapper si fa combattente contro il marcio dell’umanità. Shardana vede alcune azzeccate collaborazioni: MadMan (su Che Roba È?!), Bassi Maestro (su Father & Son) e Gemello (su Malasuerte).

In Krav Maga dici di sentirti “più scrittore e meno rapper”. Ci sono scrittori che hanno influenzato il tuo modo di concepire il rap?

Spazio molto nelle letture: dai classici alle biografie sportive ai libri “mistici”… Però quello che volevo sottolineare in quel passaggio è il fatto che in una “scala di preferenze” mi ha sempre pungolato maggiormente la scrittura e mi piacerebbe in futuro magari scrivere un libro.

L’album ha un sound molto pesante, spesso vicino al rock: è stata una scelta consapevole sin dall’inizio oppure i pezzi hanno preso quella forma spontaneamente?

Diciamo che il mood voleva essere quello aggressivo e ritmato, sia perché avevo voglia di far capire al pubblico anche questo mio lato sia per accostarmi a quello che poi risulta essere il mio atteggiamento nei live, molto movimentato.

C’è un numero impressionante di riferimenti culturali totalmente trasversali, da quelli più “impegnati”, come Gramsci, a quelli più “pop”, come Eddy Gordo di Tekken. Di cosa si nutre la tua mente?

Appunto, di tutto. Mi piace essere onnivoro sotto questo aspetto: mastico di tutto per poi sputare fuori qualcosa di personale.

Foto di Riccardo Melosu

In Nuvole e Cupole affermi: “Io non faccio la star perché so che prima o poi sarà San Lorenzo”. In Italia oggi ci sono artisti hip hop che fanno le star: avendo tu anche un percorso più lungo alle spalle, da cosa li metteresti in guardia?

Ognuno ha il suo percorso e le proprie esperienze. Quello che so è che quando si vola con poca consapevolezza e lucidità, lo schianto successivo – se ci sarà: magari per qualcuno no, ma per qualcuno certamente sì – risulterà ancora più devastante. In questo mondo passi dall’essere circondato da tante persone all’essere immediatamente solo. Dico: è un gioco, ma molto pericoloso in qualche modo, perciò giocate anche voi e state alle regole, ma in maniera intelligente – ad esempio, con gli opportunisti, siatelo più di loro, e più in generale tenete il cuore per gli affetti e gli attributi in questo business dannato.

In Copernico ci porti a spasso per il sistema solare andando sempre più lontano, con un testo così sui generis rispetto agli altri da apparire quasi criptico. Cosa ci racconti con quel brano?

L’idea è quella di far sedere comodo su un’astronave musicale l’ascoltatore e fargli fare un giro panoramico nell’universo trasmettendogli emozioni. Secondo me l’abbinamento testo/musica/video risulta molto vincente e il migliore dell’intero progetto.



C’è persino una reminiscenza di Cat Stevens in quel titolo Father & Son. Per te Bassi Maestro rappresenta, credo, un “padre” artistico: in cosa ti senti debitore nei suoi confronti?

Diciamo che è un’ ispirazione e un modello, nella maniera in cui coniuga qualità, longevità, carisma e lungimiranza.

In Francisco Marçelo dici, presumo in riferimento al tuo nome d’arte, che “il punto di domanda è manifesto”: manifesto è aggettivo o sostantivo?

Intendo dire che il punto di domanda risulta essere il manifesto di ciò che sono musicalmente e personalmente ed è per questo che ho scelto questo nome d’arte e ho un punto interrogativo tatuato sul dorso.

Nel disco sei Marçelo, Marcelito, Marcelinho: a chi di loro dobbiamo dare retta?

Ad En?gma.

Ascolta Shardana

Biagio Antonacci ci racconta il suo album "Chiaramente Visibili dallo Spazio" Biagio Antonacci ci racconta il suo album "Chiaramente Visibili dallo Spazio"

Biagio Antonacci ci racconta il suo disco “Chiaramente Visibili dallo Spazio”

ITALIANA

I Subsonica viaggiano nel tempo con "Microchip temporale": la nostra intervista I Subsonica viaggiano nel tempo con "Microchip temporale": la nostra intervista

Il viaggio dei Subsonica con “Microchip Temporale”: la nostra intervista

ELECTRO

Livio Cori a 360 gradi (dopo Sanremo, Gomorra e Liberato)

HIPHOP

Cos'è "La Differenza" per Gianna Nannini? La nostra intervista Cos'è "La Differenza" per Gianna Nannini? La nostra intervista

Cos’è “La Differenza” per Gianna Nannini? La nostra intervista

ITALIANA

Copyright © 2019 Billboard Italia

Connect
Newsletter Signup