Quello che esce questo venerdì, 13 aprile, è un disco decisamente importante per Noyz Narcos. Enemy (Thaurus Music/Universal) contiene tredici inediti e due bonus track e decreta il ritorno del rapper romano dopo cinque anni dall’ultimo album da solista Monster.

Ma si tratta di un ritorno che potrebbe segnare uno stop nella carriera di Emanuele Frasca (questo il suo vero nome): «Ho detto che potrebbe essere il mio ultimo album. Potrebbe esserlo come potrebbe non esserlo. Ma va detto che ho voglia di fare altro. Valuterò: ho un repertorio abbastanza grosso per poter continuare a suonare con questi stessi brani per un bel po’ di anni», ha raccontato.



I motivi di questa drastica scelta sono molteplici. In primis una critica alla scena hip-hop, così come è strutturata oggi: «Quando io ho iniziato, il rap era un genere di nicchia. Non era ancora stato capito. Gli artisti di oggi si sono trovati in una strada più semplice da percorrere e oggi la musica viene fatta con canoni diversi rispetto a quelli che avevamo un po’ di anni fa». Ha continuato Noyz: «Il rap oggi è diventato più pop. È proprio un altro tipo di linguaggio. Io sono fortunato. Mi è andata bene: non ho preso derive strane per le quali i miei fan decidessero di abbandonarmi».

Un ulteriore motivo è la difficoltà di descrivere una realtà cruda, così come quella che Noyz Narcos ha sempre messo al centro dei suoi brani: «Se non fai dischi di sole canzonette, è pesante il lavoro che si fa sul progetto. È per questo che io non voglio andare in tv o in radio. Voglio che chi ascolta la mia musica lo faccia volontariamente, perché ha interesse sincero di sapere cosa sto dicendo». Il quadro si completa con l’analisi delle motivazioni per cui tanti rapper oggi entrano nelle dinamiche commerciali: «Per i primi dieci anni di carriera, io e i miei amici abbiamo fatto musica per fare musica. Oggi tanti ragazzini decidono di fare musica per fare soldi. Ci mancherebbe altro: è normale. Ma se vuoi durare quindici anni come artista, devi chiederti qual è il primo motivo per cui fai musica», ha spiegato Noyz Narcos.



Ma a fare da contrappeso a questo (apparente) pessimismo c’è la volontà di Narcos di aprire a nuovi esponenti del panorama musicale. Tra le tracce che compongono Enemy, infatti, sono presenti numerosi featuring: «Mi piaceva l’idea di mettere delle nuove leve che oggi funzionano». Così, nel disco si nota la presenza di Salmo, Luché & Capo Plaza, Coez, Achille Lauro, Rkomi, Carl Brave & Franco 126. Sugli ultimi due in particolare, Noyz ha voluto spendere parole positive: «Hanno fatto un gran bel disco. Li ho conosciuti e sono andato a vederli live. Hanno fatto un disco che racconta benissimo la Roma di oggi: è una cosa che non tanti sono riusciti a fare». Narcos ha voluto fare apprezzamenti anche ad altri giovani artisti, come Tedua («È un giovane che spacca. Fatico a capirlo a volte, ma solo per via del cambio generazionale») e Quentin40 («Sta facendo della roba molto figa. Mi ha spiegato che è cresciuto anche con la mia roba. Gli auguro il meglio»).

Nella tracklist anche Sinnò Me Moro, un omaggio a Gabriella Ferri: «All’inizio della mia carriera io producevo basi. Quel pezzo l’avevo campionato forse dieci anni fa. Non l’avevo mai usato. Io la Ferri l’ho ascoltata parecchio. È un tipo di musica che va oltre alle solite storie d’amore. Secondo me gli stornelli romani si avvicinano molto di più al rap che a tanta altra musica italiana».



Insomma: il futuro per Noyz Narcos è al momento incerto («Magari torno a tatuare. Oppure potrei aprire un locale fuori dall’Italia»). Ma il suo presente è decisamente interessante. E – per l’ennesima volta – riesce a raccontare la vita quotidiana di tanti.

La cover di “Enemy” di Noyz Narcos

Noyz Narcos sarà in giro per l’Italia per l’Enemy Instore Tour che partirà il 13 aprile da Monza e Milano e che si concluderà il 28 aprile a Genova (qui tutti gli appuntamenti).  Da fine maggio a settembre, invece, Noyz Narcos sarà impegnato in una tournée dal vivo. Dopo una pausa di circa un mese, partirà una nuova parte del tour invernale. Le date e i dettagli saranno resi noti a breve.