Eminem: 7 anni fa usciva “The Marshall Mathers LP2”

Il 5/11/13 Eminem pubblicò uno dei suoi album più apprezzati degli ultimi 10 anni, complici singoli come Rap God e The Monster con Rihanna
Eminem durante ultima cerimonia degli Oscar, Chris Pizzello/Invision/AP/Shutterstock
Eminem/ Chris Pizzello/Invision/AP/Shutterstock

Trovare un aspirante MC’s con la passione per l’extrabeat che non si sia cimentato almeno una volta nella Rap God challenge è impresa ardua. In cosa consiste? Semplice: replicare il flow di Eminem nell’omonimo singolo del 2013, che ogni ascoltatore urban ha sentito almeno una volta nella vita. Il che di per sé è già un buon motivo per ricordare un particolare anniversario.

Il 5 novembre 2013, esattamente 7 anni fa, Eminem tornava alla ribalta con il suo ottavo albumThe Marshall Mathers LP2, proseguimento del suo omonimo classico di inizio secolo, nonché progetto ricco di influenti successi globali.

Uno di questi è proprio Rap God, che ha letteralmente alzato l’asticella per tutti i patiti dei tecnicismi in rima. Un singolo dirompente e imitato a più non posso, capace di portarsi a casa un Grammy come best rap performance e un posto nel Guinness dei primati per il maggior numero di parole spittate nella canzone.

Anche per queste ragioni, le accelerazioni che Shady sfoggia tra un flow e l’altro fanno di Rap God una delle prove HH più iconiche degli anni ’10 – perlomeno per un certo pubblico rap. Ma su un punto sono tutti d’accordo: è stato un successo commerciale vertiginoso, che può vantare oltre 667 milioni di stream su Spotify.

Da Rihanna a Kendrick Lamar

È bene precisarlo: TMMLP2 non è solo questo. Se Rap God rimane una perla per orecchie forse ancora troppo specializzate, la collaborazione con Rihanna, The Monster, è entrata in testa ad un pubblico molto più eterogeneo.

Quest’ultimo ha potuto riapprezzare il feeling del duo, già testato nella Love The Way You Lie di 3 anni prima. Il successo del feat ha garantito al brano un Grammy come miglior collaborazione rap.

Anche Survival ha detto la sua, prendendosi un posto nel videogame Call Of Duty: Ghosts. Spiccano poi le performance collaborative con Kendrick Lamar e Skylar Grey. Oltre alle tonnellate di incastri esibiti, vera cifra stilistica di Marshall Mathers.

Ma le soddisfazioni per Eminem non sono arrivate solo dai singoli. Il disco ha debuttato al primo posto nella Billboard 200 negli Stati Uniti e può vantare la medaglia d’argento come album più venduto del 2013. Come se non bastasse, ha vinto un Grammy come miglior album rap alla 57esima edizione della kermesse.

7 anni dopo, si conferma uno dei capitoli più felici del recente passato di Em’, che da pochissimo è diventato l’unico artista con Michael Jackson ad aver fatto platino in 4 decenni diversi. 3 dei suoi dischi, peraltro, rientrano nell’elite degli unici 7 rap album rimasti per più di 6 anni nella Billboard Top 200. I fan più sfegatati sanno di quali parliamo: Curtain Call, The Eminem Show, Recovery.

Ma oggi il ripasso lo dedichiamo a The Marshall Mathers LP2.

Ascolta The Marshall Mathers LP2 di Eminem

Articolo Precedente

Il ritorno di CoCo: «Ho dato al rap le chiavi di "Floridiana"»

Articolo Successivo

Gemitaiz e "QVC9": «Rappo sulle mie basi, ma lo scambio di idee è vitale»

Articoli correlati
Total
1
Share