DMX non ce l’ha fatta. Il rapper è morto in ospedale a 50 anni

Dopo giorni critici, in cui era già rimbalzata la notizia della scomparsa poi smentita dal manager, è arrivata la notizia della morte di DMX
DMX, John Lamparski, FilmMagic
DMX, John Lamparski, FilmMagic

Un ricovero per infarto, seguito da ore in bilico tra la vita e la morte attaccato ad un respiratore. Questi gli ultimi tragici giorni passati dal rapper DMX, al secolo Earl Simmons, morto oggi presso il White Plains Hospital di New York. Lo ha annunciato la famiglia del rapper in un comunicato. Proprio qualche giorno fa il manager dell’artista era uscito allo scoperto in seguito ad una fake news sulla morte prematura diffusa sul web, negando l’accaduto. Purtroppo, dopo i recenti sviluppi del quadro clinico, non c’è stato più nulla da fare. E il rap game mondiale si ritrova a piangere una figura storica.

«La musica di Earl ha ispirato molti fan in tutto il mondo e la sua eredità vivrà per sempre. Apprezziamo tutto l’amore e il supporto durante questo periodo incredibilmente difficile. Vi preghiamo di rispettare la nostra privacy mentre piangiamo la perdita di nostro fratello, padre, zio e dell’uomo che il mondo conosceva come DMX. Condivideremo le informazioni sul suo servizio funebre una volta che i dettagli saranno stati definiti», hanno commentato i famigliari dell’artista in una nota ufficiale.

DMX ha fatto il suo debutto nel rap nel 1998, pubblicando sette album in una ricca carriera che include anche tre nomination ai Grammy. Non mancano nemmeno le comparsate in diversi film. Ma l’abuso di sostanze lo ha costretto ad un’aspra lotta con la dipendenza nel corso degli anni. Anche nel 2019, quando è stato costretto a cancellare gli show in programma per andare in una struttura di riabilitazione. Tuttavia ha mantenuto il proprio posto nel cuore dei fan, che a poche ore dalla morte si sono ritrovati al di fuori dell’ospedale per una veglia di preghiera assieme alla famiglia e agli amici del rapper. Fra le ultime dimostrazioni d’affetto verso la sua musica, i dati del confronto web con il collega rapper Snoop Dogg tenuto come parte della serie Verzuz, che aveva registrato più di 500.000 spettatori.

Articolo Precedente
J Balvin, fonte: Instagram

Da J Balvin ai Twenty One Pilots, le migliori uscite internazionali di oggi

Articolo Successivo
Giorgia Malerba

Malerba: «Non chiamatemi tiktoker, sono una cantante»


Articoli correlati
Total
0
Share