Covid-19, lo scetticismo di Offset: «Non mi fido del vaccino»

Stanno facendo molto discutere le parole del rapper statunitense Offset, che ha manifestato a TMZ le proprie perplessità sul vaccino
Offset / ph: Instagram

La parola in cui milioni di persone ripongono la speranza di un 2021 migliore dell’anno precedente è indubbiamente ‘vaccino’. Se in Inghilterra hanno già cominciato a somministrare le prime dosi, e alcuni virologi nostrani come Roberto Burioni hanno parlato di “miracolo della scienza” per la messa a punto in tempi record, non mancano gli scettici che continuano a sollevare perplessità sulle tempistiche necessarie per trovarlo. Il rapper e membro dei Migos Offset, che compie oggi 29 anni, rientra tra questi ultimi.

Intervistato da TMZ, che chiedeva all’artista se si sarebbe sottoposto al vaccino, Offset è stato chiaro: «I don’t trust it» («non mi fido»).

Offset ha poi chiamato in causa i rapporti tra la black community e l’establishment politico e medico: «Sono un sacco di merdate del governo, non penso sia per noi».

Il rapper ha anche fatto riferimento ad una foto (non verificata) di 4 presunti pazienti, cui sarebbe stato somministrato il vaccino Pfizer che avrebbe causato loro una paralisi facciale. Ma l’FDA (Food and Drug Administration) ha smentito una correlazione tra le condizioni dei pazienti e il trattamento.

Sono numerosi gli utenti che hanno manifestato il proprio disappunto per le parole di Offset, richiamando il marito di Cardi B alla responsabilità (TMZ ha oltre 5 milioni di follower su IG, Offset oltre 17), al proprio terreno di competenza (la musica, non la medicina) e mettendolo di fronte alla percentuale di efficacia dei vaccini trovati fino ad ora.

Articolo Precedente

Carmen Consoli torna nel 2021 con "Volevo fare la rockstar" e un tour

Articolo Successivo

Rhove: il singolo "Blanc Orange (Nanana)" è la novità del momento


Articoli correlati
Ketama 126: tra Roma e Milano nel nuovo decadentismo musicale
Leggi di più

Ketama 126: tra Roma e Milano nel nuovo decadentismo musicale

Il piccolo Kety, come talvolta ama farsi chiamare, ha dalla sua un'attitudine quasi unica in Italia. Produttore e autore di ogni suo lavoro, vanta una carisma che da solo basta a farci credere a ogni sua parola. Lo stile di vita è quello della rockstar e i testi crudi fanno il resto. Fresco di singolo insieme all'underdog Massimo Pericolo, abbiamo incontrato Ketama 126 al Core Festival di Treviso
Total
2
Share