Il video di Blanco e Sfera è quasi un film horror anni ’90

Blanco e Sfera Ebbasta insieme sono una scarica di adrenalina, perfettamente raccontata nel videoclip di “Mi fai impazzire” a tratti decisamente inquietante
Blanco Sfera Ebbasta uscite nazionali
Blanco e Sfera Ebbasta, foto di Bogdan Chilldays Plakov

Che Blanco riesca ad essere più inquietante di Jack Nicholson nella celebre scena del bagno in Shining lo abbiamo capito tutti. L’artista, classe 2003, ha già dato prova del suo estro creativo e delle sue qualità di scrittura, con brani come Notti in bianco, Paraocchi e la collaborazione con Mace e Salmo ne La canzone nostra.

Adesso Blanco, ibrido tra rapper e cantautore, è pronto a prendersi tutto con la sua personalissima hit estiva, Mi fai impazzire, in collaborazione con il king nostrano della trap: Sfera Ebbasta. Oggi, a supporto di un brano che sta già raccimolando consensi, ha pubblicato il videoclip ufficiale.

Mi fai impazzire tira fuori tutta la genuina follia di Blanco

Un video con una patina anni ’90 che, a qualcuno, potrebbe ricordare quasi le atmosfere di Skins, celebre serie andata in onda su MTV nei primi anni ’10 del 2000. Blanco, con lo sguardo da pazzo che spesso lo contraddistingue, corre in mutande, si dimena e canta a squarciagola, un po’ come noi ci immaginiamo di cantare il suo brano, magari ad un falò in spiaggia o ad una festa con degli amici.

Le immagini, che raccontano la storia di due coppie, composte da due ragazzi e due ragazze, ci mostrano una storia d’amore tormentata, fatta di cambi d’abito in macchina, baci appassionati e un finale inaspettato, quasi da film horror. Qui le voci di Sfera e Blanco sono perfettamente amalgamate alle scene del videoclip, in un brano che non definiremmo propriamente tormentone, ma che ha tutte le carte in regola per esserlo.

Articolo Precedente
Sufjan Stevens - ritratto di Daniel Anum Jasper

Il vento caldo del pop acustico di Sufjan Stevens torna a soffiare

Articolo Successivo
Chloé & Vassilena Serafimova by alexandre guirkinger 2020 (2)

Metti a Venezia il produttore dei Radiohead, la DJ/producer Chloé e una percussionista bulgara


Articoli correlati
Total
18
Share