Quando la club culture incontra i suoni del mondo: Q&A con Lorenzo BITW

Lorenzo BITW è un producer che ama la contaminazione. A giugno è uscito il suo album d’esordio, “Love Junction”, in cui la club culture di matrice londinese incontra i suoni del mondo
Lorenzo BITW
Lorenzo BITW

Lorenzo BITW si è formato artisticamente a Londra ma attualmente risiede a Roma. A fine giugno ha pubblicato il suo album d’esordio, Love Junction (Friends Of Friends / La Tempesta), un lavoro dai sofisticati intrecci sonori in cui la club culture incontra suggestioni variegate, come quelle della world music. Un’inclinazione – quella per la contaminazione – che come conferma Lorenzo BITW proviene dagli stimoli di Londra e della sua soundsystem culture.

Lorenzo BITW, "Love Junction"
Lorenzo BITW, “Love Junction”

Il primo disco che hai amato alla follia?

Nirvana, Nevermind.

L’artista italiano e quello internazionale più sottovalutati?

Venerus per l’italia sta facendo cose molto belle che spero sentirete presto. Tanti sono a mio parere gli artisti italiani che meriterebbero più risalto. Per nominarne alcuni: Ckrono, Go Dugong, Lamento, Filo Q, Vipra, Serena Di, Nina Rodriguez. Per l’estero ti direi Batida, DJ Marfox, Jamie Lidell.

Tre band o artisti che avresti voluto vedere ma non sei mai riuscito a farlo?

Jimi Hendrix, Azymuth e Portishead.

La copertina più bella di sempre?

King Crimson, In the Court of the Crimson King.

Vinile, CD, streaming o download: come ascolti la musica?

Principalmente streaming o download. Sto utilizzando parecchio Bandcamp e Spotify e in passato ho stra-utilizzato SoundCloud. L’ascolto in vinile rimane sempre quello che preferisco, e probabilmente dovrei farlo più spesso.

Le città dove hai visto i locali più belli?

Bristol e New York.

La colonna sonora più bella di sempre?

Quella di Pulp Fiction.

La canzone perfetta da ascoltare il giorno del proprio compleanno?

Madness, One Step Beyond.

E per fare l’amore?

Pepe Bradock, Deep Burnt.

E per sfogare la rabbia?

Shy FX, Original Nuttah.



Q&A Extra

In Love Junction ci sono molti featuring: come individui i tuoi “ospiti” e che tipo di interazione artistica c’è fra te e loro?

Sono tutte persone con cui sono stato in contatto per parecchio tempo e con cui avevo già collaborato o avrei voluto collaborare. Volevo avere all’interno del disco personaggi di estrazione completamente diversa l’uno dall’altro e musicisti, cantanti con cui mi sono trovato subito in sintonia. L’interazione “artistica” con alcuni è stata lo stare in studio insieme, con altri penso un reciproco rispetto o affinità artistiche. Diciamo che c’è stato uno scambio, e credo che nell’album questa cosa si senta.

La tua musica si basa molto sulla contaminazione fra club culture e generi che a volte lambiscono le tradizioni locali e la world music: un gusto che viene dalla tua permanenza a Londra?

Assolutamente sì, dalla mia permanenza a Londra e dalla soundsytem culture, che ha preso le sonorità delle radici giamaicane contaminando tutta la club music inglese.


Ascolta Love Junction di Lorenzo BITW in streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo Precedente
Madonna conferma: entro la fine del 2018 arriverà un nuovo disco

Madonna conferma: un nuovo disco entro la fine dell'anno

Articolo Successivo
Alessio Bernabei: il suo nuovo album è Senza Filtri

Il nuovo album di Alessio Bernabei è "Senza Filtri"

Articoli correlati
Total
4
Share