North of Loreto (Bassi Maestro): fuori il secondo album “M”

Disponibile da oggi sulle piattaforme di streaming il secondo capitolo discografico del progetto elettronico del rapper e producer, che qui rende omaggio alla house anni ’80 e ’90
Bassi Maestro - North of Loreto - M
Foto di Francesco Caracciolo

Dall’anno scorso Bassi Maestro si fa conoscere anche con il moniker North of Loreto, con il quale firma le sue produzioni orientate all’elettronica. Il 2019 ha visto il “debutto” con l’album eponimo e adesso è arrivata la seconda prova in studio. M (Com Era / Artist First) è disponibile da ieri sulle piattaforme digitali (la limitatissima versione in vinile – 15 copie – stampata a mano al suo Press Rewind Studios è andata sold out in prevendita).

Se il primo album faceva sfoggio di sonorità marcatamente 80s ed electro funk, M rende omaggio ai maestri della house music fra la fine degli anni ’80 e l’inizio dei ’90, fra New York e Chicago. La lettera che dà il titolo all’album è l’iniziale di tre parole che stanno a cuore a Bassi: Milano, con i suoi edifici storici e grigi, Musica, che guida il suo percorso di vita mutando di progetto in progetto, e Munari, il genio italiano del design mondiale.

Già rapper, produttore multiplatino e figura di riferimento per il mondo hip hop italiano, nel 2018 Bassi Maestro si è slegato dal rap per dare vita al progetto elettronico North of Loreto, con cui rende omaggio agli “altri” suoni con cui è cresciuto (lui è classe ’73). L’album d’esordio contiene collaborazioni con artisti italiani e internazionali: Ghemon, Veezo (presente anche in M), Domino, Diamond Ortiz, Saucy Lady. Il nome del side project si rifà al quartiere NoLo (a nord di piazzale Loreto, appunto), che – un tempo degradato – da alcuni anni è diventato modello di riqualificazione urbana e fermento sociale e culturale.

Ascolta M di North of Loreto in streaming

Articolo Precedente
Joy Division - Closer

L'estasi nel tormento: 40 anni fa oggi usciva "Closer" dei Joy Division

Articolo Successivo
Our Hobby Is Depeche Mode - andy from iran, tehran, early 1990's - pic by andy helmi 2

"Our Hobby Is Depeche Mode": al PAC di Milano il documentario sulla nascita del culto della band

Articoli correlati
Total
4
Share