La storia di !K7 secondo David Coleby: dai DJ-Kicks all’elettronica “conscious” di Dominik Eulberg

Per molti amanti dell’elettronica la storica label berlinese è sinonimo di meravigliose compilation. Ma è anche altro, soprattutto coraggio e tanta innovazione. Il loro percorso imprenditoriale è un case history esemplare: ci spiega tutto David Coleby, International Sales & Marketing Manager
Dominik Eulberg - K7 - foto di Natalia Luzenko
Dominik Eulberg (foto di Natalia Luzenko)

Per molti amanti dell’elettronica la storica label berlinese !K7 è sinonimo di meravigliose compilation. Ma è anche altro, soprattutto coraggio e tanta innovazione. Il loro percorso imprenditoriale è un case history esemplare: ci spiega tutto David Coleby, International Sales & Marketing Manager.


!K7 nacque come società di produzione di video musicali nel 1985, lavorando con artisti indipendenti e talentuosi come Nick Cave, Mudhoney e Einstürzende Neubauten. Poi, nel 1993, dopo diverse compilation che chiamammo X-Mix e che riscossero un certo successo, lanciammo la pionieristica serie di mix DJ-Kicks. Ventisei anni dopo, DJ-Kicks rimane una delle serie di mix più rispettate e prestigiose al mondo.


Vi spiego meglio il nostro segreto: in tutti i suoi progetti la !K7 ha cercato con perseveranza la via di mostrare forme d’arte innovative. La nostra serie X-Mix abbinò i mix di alcuni dei DJ più originali dell’epoca come Ritchie Hawtin e John Acquaviva, Laurent Garnier e Kevin Saunderson con innovative immagini di computer graphic.

Da quel momento l’etichetta rapidamente si trasformò per cominciare a pubblicare album di autentici luminari come il recentemente scomparso K-Hand, Terence Parker e poi, due anni dopo, nel 1995, modificammo il concetto degli X-Mix e per creare una nuovissima serie di compilation chiamata DJ-Kicks. Il concetto alla base era che l’uscita fosse una forma ibrida esistente tra un album dell’artista stesso e un suo mix.

«Non solo con le copertine, ma anche con tutto il supporto delle foto per la stampa, i video, e i singoli si è imposta la serie DJ-Kicks. E nel tempo si è evoluta molto, ma ciò che non è cambiato è che ogni edizione è trattata come un album originale. Io penso che questo sia ciò che percepiscono le persone», ha detto Horst Weidenmüller, fondatore di !K7 Records, in un’intervista con Resident Advisor.

K7 - uffici in Silent Green a Berlino
Particolare degli uffici di !K7 nel quartiere di Silent Green a Berlino

E arrivarono in !K7 due viennesi…

La serie è diventata un archivio de facto per i vari sottogeneri e le differenti scene della musica elettronica e dance che si sono creati dagli anni ’90 ad oggi. La serie le ripercorre attraverso artisti di calibro come Carl Craig, Claude Young o Kemistry & Storm, che hanno tutti presentato edizioni e ispirato nuove generazioni di produttori di musica fino ai giorni nostri.

Nel 1998 abbiamo pubblicato le K&D Sessions del duo austriaco Kruder & Dorfmeister con un’acclamazione ovunque, una compilation di remix downtempo e due produzioni originali che hanno immediatamente attirato gli ascoltatori nel loro universo sonoro. Quest’uscita, insieme agli album degli artisti negli anni Duemila come Matthew Herbert, Smith & Mighty, Tosca e The Herbaliser e alle edizioni DJ-Kicks di artisti come Tiga, Erlend Øye, Maya Jane Coles e Actress, ha continuato a costruire l’innovativo approccio indipendente che forma il DNA di !K7 Records.

Sandunes - K7 - foto di Sumaiya Sayed
Sandunes (foto di Sumaiya Sayed)

Un futuro ancor più radioso, nella speranza di tornare a ballare

Negli ultimi anni abbiamo anche sviluppato competenze per concentrarci sulla distribuzione, sui servizi di etichette e artisti, sulla gestione, sulla sincronizzazione e sulle licenze con il personale con sede a Berlino, Londra e New York. !K7 Records è diventata la casa di artisti fantastici come Sandunes, con le sue canzoni pop con flessioni elettroniche e le acclamate creazioni jazz strumentali in collaborazione con Richard Spaven.

Il progetto GCOM della leggenda dell’elettronica Tom Middleton ci ha fatto immaginare futuri alternativi per la terra e l’umanità. L’esperto di ornitologia, DJ e artista elettronico Dominik Eulberg e il suo nuovo album Avichrom, in uscita a marzo 2022, ci hanno ispirato a diventare più consapevoli del mondo naturale e delle questioni che circondano la biodiversità.

Avremo una nuova release del cantante, musicista e mago della produzione James Alexander Bright. Le nostre recenti compilation DJ-Kicks del 2021 – Special Request, Jayda G, Disclosure e Jessy Lanza – hanno messo in mostra un’affascinante gamma di generi e stili per i nostri ascoltatori. Speriamo di tornare a una musica più incentrata sui club nel 2022, rivalutando il nostro posto all’interno dell’ecosistema della musica dance e non solo.


Articolo Precedente
Metronomy - Small World - foto di Alex Lambert

La lezione dei Metronomy: sorridere ai paradossi del nostro “Small World”

Articolo Successivo
Slash featuring Myles Kennedy and the Conspirators

Slash: «L’abuso di tecnologia ha tolto linfa vitale al rock. Ma con Instagram si scoprono tanti bravi chitarristi»

Articoli correlati

Total
23
Share