Clubbing e vibrazioni balcaniche: in anteprima il video di “Synin si Qershia” degli Shkodra Elektronike

Un interessante e inedito incontro fra elettronica e musiche tradizionali del nord dell’Albania: il duo ha pubblicato il suo secondo singolo, di cui vi presentiamo il videoclip in anteprima
Synin si Qershia - Shkodra Elektronike - anteprima - 1

Da mercoledì 14 ottobre è disponibile sulle piattaforme di streaming Synin si Qershia. Si tratta del nuovo singolo del peculiare progetto formato da Kolë Laca (Il Teatro degli Orrori) e Beatrice Gjergji, che insieme formano gli Shkodra Elektronike. I loro brani sono un’atipica rivisitazione in chiave elettronica della musica tradizionale della loro città natale, Scutari (Albania): loro ne parlano come “post immigrant pop”. Vi presentiamo oggi in anteprima il videoclip del brano, notevole mix di atmosfere da clubbing e vibrazioni tipicamente balcaniche.

Synin si Qershia è un brano del compositore scutarino Prenk Javoka, scomparso del 1969. Tuttavia la melodia fu originariamente composta secondo i canoni della tradizione di Scutari. Oggi se ne è persa la paternità e viene considerato un canto popolare. La versione degli Shkodra Elektronike, mescolando sample di vecchie interpretazioni con un sound elettronico contemporaneo, porta il brano ai giorni nostri con una veste internazionale. Nel testo, di Zef Zorba, è difficile individuare il confine tra l’amore dell’autore per la città di Scutari e quello del protagonista per la sua amata.

«Il video di Synin si Qershia è stato girato a Ferrara durante il matrimonio del fratello di Kolë», racconta il duo. «È consuetudine qui in Italia che il musicista aborra l’idea di suonare a certi eventi, ma per noi è diverso: i brani che proponiamo fanno tutti parte del repertorio tipico delle feste di matrimonio scutarine. Quando ci è stato proposto, abbiamo gioito talmente tanto da decidere di farci un videoclip. Quindi, tutto quello che succede nel video è reale: c’era una sposa vera, si è celebrato l’amore tutta la notte e gli invitati, per lo più albanesi, erano brilli, anche se, ahimè, troppo civilizzati per tirare fuori pistole e Kalashnikov!».

Guarda in anteprima il video di Synin si Qershia degli Shkodra Elektronike

Shkodra Elektronike – Bio

Gli Shkodra Elektronike sono Kolë Laca (già al lavoro con Il Teatro degli Orrori) e Beatrice Gjergji. Rivisitano in chiave elettronica parte del repertorio della musica tradizionale della loro città natale, Scutari in Albania, rientrando all’interno di una scena che loro chiamano “post immigrant pop”. Hanno iniziato tenendo solo concerti dal vivo in Italia e in Albania. Nel gennaio del 2020 hanno pubblicato il loro primo singolo, il brano originale Ku e Gjeta Vedin, con il quale hanno partecipato al festival della musica tradizionale di Scutari, il “Lule Bore”, dove hanno vinto il premio della critica.

Articolo Precedente

U2 e "BOY": quando uno strepitoso debut album festeggia 40 anni

Articolo Successivo
Aiello - Che Canzone Siamo - intervista - 1

Aiello racconta “Che Canzone Siamo”: «Non sguazzo nel dolore, ci ballo sopra»

Articoli correlati
Total
20
Share