Il Wired Next Fest è uno dei più importanti festival del nostro Paese dedicato alla cultura dell’innovazione. Durante le tre giornate dell’evento – in programma dal 25 al 27 maggio ai Giardini Indro Montanelli in Corso Venezia 55, a Milano – si terranno infatti incontri, workshop, laboratori e performance che avranno al centro il concetto di innovazione. Il motivo di tutto questo l’ha ribadito l’Assessore alla Cultura del Comune di Milano, Filippo Del Corno: «Gli effetti che la tecnologia e l’innovazione hanno sulle nostre vite, ogni giorno, sono tutto i nostri occhi». E ancora: «Meno evidente è il dibattito generato da questi cambiamenti: un dibattito che, in modo aperto e costruttivo, deve indagarne le ricadute sociali e aprire a riflessioni culturali più ampie».

Tra i numerosissimi ospiti di questa sesta edizione ci saranno Chelsea Manning (l’attivista politica che ha fatto scoppiare il caso Wikileaks), Walter Isaacson (il biografo dei grandi innovatori), Kate Crawford (esperta mondiale di intelligenza artificiale) e molti altri. Per quanto riguarda la musica, ci saranno gli show di Calibro 35, Jungle, Robin Schulz e Gemitaiz. 

Oltre ai live, ci saranno anche eventi (dal titolo “Musica e parole sotto le stelle“, in programma al Planetario dei Giardini Indro Montanelli) dove artisti si racconteranno, anche tramite i loro successi. Ci saranno Daniel Blumberg, Raphael Gualazzi, John De Leo, Danilo Rea & Alex Braga.

Infine, esponenti del mondo musicale saranno i protagonisti di alcuni talk, con al centro la musica: Negramaro, Motta, Gué Pequeno, Tommaso Colliva, Marta Salogni, Lele Sacchi, Michele Bravi e Maneskin.

A questo link il programma completo del Wired Next Fest 2018.