Rock in Roma 2019: arrivano gli Skunk Anansie

È stata annunciata la presenza degli Skunk Anansie al prossimo Rock in Roma. L’appuntamento è per l’8 luglio 2019 alla Cavea dell’Auditorium Parco della Musica
Gli Skunk Anansie hanno annunciato l'uscita del nuovo album live 25LIVE@25
Gli Skunk Anansie hanno annunciato l’uscita del nuovo album live 25LIVE@25

Un annuncio che sicuramente farà piacere a tanti italiani che apprezzano il loro unico sound. L’8 luglio 2019 gli Skunk Anansie saranno i protagonisti di un concerto all’interno della programmazione del Rock in Roma.

Infatti, la band capitanata da Skin è pronta per festeggiare i 25 anni di carriera. Lo fa con un album, 25LIVE@25, che uscirà (per Carosello Record) il 25 gennaio 2019. E con alcune date dal vivo. Una di queste è proprio quella al Rock in Roma. Gli Skunk Anansie porteranno la loro carica alla Cavea dell’Auditorium Parco della Musica. Ad aprire il loro show, un ospite non ancora annunciato. Gli altri appuntamenti sono a Nichelino (4 luglio), Bologna (5 luglio) e Legnano (7 luglio).

I biglietti saranno disponibili in prevendita dalle 10.00 di domani, giovedì 6 dicembre, sul sito di Ticketone (qui il link). Si potranno acquistare nei punti vendita autorizzati dalle 10.00 di domenica 9 dicembre.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo Precedente
Il Circoloco di Ibiza arriva in Thailandia: ecco la line up dell'evento

Il Circoloco di Ibiza sbarca in Thailandia: la line up dell'evento

Articolo Successivo
Maria De Filippi spegne 57 candeline. Ecco gli auguri dei talenti che ha lanciato in questi anni

Maria De Filippi compie 57 anni: gli auguri dei talenti che ha lanciato

Articoli correlati
Sónar 2019, il festival della nuova generazione
Leggi di più

Sónar 2019, il festival della nuova generazione

L’edizione 2019 del Sónar ha contato oltre 105.000 presenze da più di 120 paesi. Le parole chiave? Globale, interculturale, inclusivo, radicale e sostenitore della diversity. Un Festival da ricordare per l’avanguardia musicale e tecnologica che ha voluto soprattutto sostenere la figura femminile e i suoni provenienti dai luoghi ai margini del nostro pianeta. Il risultato è stato un weekend di scoperta e di positività per la creatività dell’entertainment del futuro
Total
3
Share