Piano City Milano: al via a maggio la nona edizione

Piano City Milano animerà il capoluogo lombardo dal 22 al 24 maggio 2020. Da oggi sono aperte le iscrizioni che chiuderanno il 31 gennaio
Piano City Milano: al via a maggio 2020 la nona edizione
Nyman – Photo by Nicola Sacco

Torna Piano City Milano. La manifestazione, alla sua nona edizione, si terrà il 22, 23 e 24 maggio 2020 e porterà oltre 400 concerti gratuiti in tutto il capoluogo lombardo e non solo.

Il festival, durante le sue edizioni, ha portato negli angoli più disparati della città oltre 2800 concerti e più di 3000 ore di musica. Piano City Milano, inoltre, ha coinvolto negli anni più di 1100 location di varia natura e circa 3000 pianisti.

Il progetto, con la direzione artistica di Ricciarda Belgiojoso e Titti Santini, è realizzato da Associazione Piano City Milano con il Comune di Milano.
«Il festival si rinnova di anno in anno con programmi d’eccezione e tanti progetti speciali, che prendono forma dalle proposte che riceviamo e seguono i movimenti di una Milano davvero viva e dinamica. C’è spazio per tutti, giovani talenti e grandi maestri, per i generi musicali più vari e per luoghi di ogni tipo, unica regola il pianoforte. Piano City conferma la sua natura libera e partecipativa e vi invita a far parte della nona edizione di questa straordinaria festa in musica della città» ha dichiarato Ricciarda Belgiojoso.

In occasione dell’evento, a cura di Ponderosa Music&Art e Accapiù, è possibile iscriversi come pianisti. Ma non solo. E anche possibile proporre la propria casa (già dotata di pianoforte) o cortile per ospitare un concerto. Infine, è possibile candidarsi come guest con concerti autoprodotti.

Le candidature per Piano City Milano sono aperte da oggi, martedì 17 dicembre. Sarà possibile proporsi fino al 31 gennaio a questo link.

Articolo Precedente
I Subsonica viaggiano nel tempo con Microchip temporale: la nostra intervista

Subsonica: da venerdì in radio "Tutti i Miei Sbagli" con Motta

Articolo Successivo
Anderson .Paak, cantante, rapper, produttore di Oxnard

Anderson .Paak non è solo un ottimo artista. L'intervista di Billboard USA

Articoli correlati
Total
0
Share