Torna Musicultura, il Festival che mette al centro i giovani e la musica

Svelati gli 8 finalisti di Musicultura, il festival che si terrà per una settimana, dal 14 al 19 giugno, allo Sferisterio di Macerata
Musicultura
Musicultura, foto ufficio stampa

Torna a Macerata, dal 14 al 19 giugno, Musicultura Festival. L’evento che mette al centro la canzone d’autore, giunto alla sua XXXII edizione, sarà realizzato allo Sferisterio, la suggestiva arena neoclassica che quest’anno festeggia il centenario dalla prima opera, l’Aida.

«È molto bello quando una tradizione si consolida, in modo innovativo, ogni anno, mettendo al centro di tutto i giovani e la musica» ha detto Simona Sala, direttrice di Rai Radio 1 e dei Giornali Radio durante la conferenza stampa di presentazione di Musicultura.

Gli 8 finalisti di Musicultura, l’evento condotto da Enrico Ruggeri e Veronica Maya

Durante la conferenza sono stati presentati gli 8 finalisti della serata: Brugnano, Caravaggio, Ciao Sono Vale, Elasi, Lorenzo Lepore, Luk, Mille, The Jab. A condurre Musicultura, quest’anno, saranno Enrico Ruggeri, al suo terzo anno consecutivo come conduttore del Festival, e Veronica Maya.

«Ho preso parte a Musicultura fin dalla prima edizione del 1990 in un piccolo teatrino. In tanti anni tutti quelli che sono venuti si sono innamorati dell’atmosfera, della musica concepita come partecipativa e condivisa. Infine, si sono innamorati anche della bellissima arena di Sferisterio, uno dei luoghi più belli al mondo» ha detto in conferenza stampa Enrico Ruggeri.

«Da questo festival sono usciti tanti talenti, come gli Avion Travel e Simone Cristicchi. La canzone popolare italiana è una delle basi culturali del nostro Paese e la celebriamo a Musicultura» ha aggiunto Simona Sala.

Gli ospiti del Festival, dai Subosnica a Gianmaria Coccoluto

Durante le serate di Musicultura, oltre agli 8 finalisti in gara, vedremo sul palco anche alcuni ospiti affermati: i Subsonica, che festeggeranno i loro 25 anni di carriera, Ermal Meta, Marisa Laurito e La Rappresentante di Lista, che ha anche partecipato al Festival in una delle precedenti edizioni. E ancora: Michele D’Andrea, Gianmaria Coccoluto, Irene Grandi e Luciano Ganci.

Ma non è finita qui. Durante la settimana, le sezione ad ingresso libero di Musicultura ospiterà anche: Beatrice Antolini, Colapesce e Dimartino, Antonella Ruggiero, Lorella Cuccarini e molti altri.

«Durante Musicultura riporteremo gli spettatori allo Sferisterio dopo tanto tempo. C’è grande entusiasmo per questo evento e l’intenzione è quella di riportare un po’ di equilibrio sul palco». A dirlo, durante la conferenza stampa, è Ezio Nannipieri, direttore artistico di Musicultura.

E ha aggiunto: «Non promettiamo cose nuove, anche perché il nuovo è spesso figlio di scarsa memoria, ma ci impegniamo ad evitare il superfluo e l’incuria. Vogliamo che tutto risulti sano nelle intenzioni e vitale nel risultato».

Al vincitore assoluto di Musicultura andrà un premio di 20mila euro. Inoltre, tra i vari riconoscimenti, sarà anche assegnata la targa della Critica intitolata a Piero Cesanelli, ideatore del Festival e suo direttore artistico dalla prima edizione fino al 2019.

Articolo Precedente
Gazzelle Mara Sattei uscite venerdì

Da Gazzelle e Mara Sattei a Frah Quintale, le migliori uscite nazionali

Articolo Successivo
Maneskin

I Måneskin dicono addio alla loro manager Marta Donà


Articoli correlati
Total
1
Share