Ritorna la Milano Music Week, con Colapesce e Dimartino curatori speciali

Dopo due edizioni segnate dalla pandemia c’è voglia di rilancio, anzi di far diventare Milano sempre più una città della musica di respiro internazionale
Colapesce e Dimartino - Milano Music Week 2022 - programma
Colapesce e Dimartino (fonte: ufficio stampa MMW)

Il numero di giornalisti presenti fa presagire che l’evento che si terrà dal 21 al 27 novembre è di quelli importanti. La sesta edizione della Milano Music Week declinata sulla musica è anche il vero ritorno alla modalità “normale”, dopo due edizioni davvero segnate dalla pandemia.

Puglia Sounds Plus

La prima vera novità è  – come molti di voi avranno già letto anche nei nostri articoli – un cambio al timone. Luca De Gennaro lascia il suo posto a Nur Al Habsah, direttrice della Fondazione Italia Music Lab che, prontissima, saluta la folla di addetti al lavoro e annuncia la prima grande novità, ovvero la presenza di due curatori speciali che l’affiancheranno nell’avventura: Colapesce e Dimartino


I due cantautori, oltre a proporre dei panel molto interessanti sulla scrittura dei testi, su come sia cambiato ad esempio il modo di raccontare il sesso nelle canzoni, saranno protagonisti della giornata conclusiva della settimana. Domenica 27  novembre incontreranno il pubblico per uno showcase acustico nella sede di Piazza Gae Aulenti di UniCredit. Porteranno all’attenzione il supergruppo Les Amazones d’Afrique, collettivo musicale africano tutto al femminile con un live in Santeria (Viale Toscana, 31).

Far diventare Milano un’autentica “music city”

Protagonisti come sempre alla Milano Music Week: FIMI, NuovoImaie, Assomusica e SIAE. All’unisono, dalla voce di Vincenzo Spera di Assomusica e da Francesca Grimaldi di FIMI, viene forte il desiderio di far sempre più attraente a livello internazionale il prodotto musicale made in Italy e far diventare Milano una grande “music city” che attiri sempre più non solo chi è fuori dalla cintura metropolitana ma anche dall’estero.

Anima storica della MMW sono da sempre i panel e i music talk. Tanti di questi si svolgeranno principalmente all’Apollo Club e saranno divisi in giornate tematiche: il lunedì si parlerà del futuro del music business; martedì delle nuove tecnologie; mercoledì di Music Export; giovedì del rapporto tra il settore spettacolo e la politica; e venerdì di sostenibilità, equità e responsabilità sociale. La settimana si chiuderà venerdì 25 novembre con ospite speciale Amadeus per alcune anticipazioni sul prossimo Festival di Sanremo.

Il sabato e la domenica i panel principali si terranno allo YellowSquare Milan. Saranno rivolti a un pubblico giovane che si approccia al mondo della musica, con workshop che riguardano l’avvicinamento al mondo lavorativo, l’apertura di un’etichetta, l’organizzazione di un festival, la scoperta dei ruoli di manager, A&R e agente di booking, e le pratiche riguardanti il deposito di una canzone e il funzionamento dei diritti connessi.

Gli incontri di Milano Music Week con gli artisti, da Tiziano Ferro ai Coma Cose

L’appuntamento con Tiziano Ferro è in realtà un’importante anteprima, in collaborazione con Mondadori Store. Il 17 novembre Ferro incontrerà al Teatro Manzoni i fan, modera l’incontro Nur Al Habash (inizio ore 16.00).

Per tutta la settimana, YellowSquare Milan ospiterà gli incontri con gli artisti, cominciando con Alfa e Mattia Stanga, Sick Luke, Nada, Alan Sorrenti con Ceri e Colombre, Africa Unite che festeggiano i loro 40 anni, Mogol e Cheope, Inoki e DJ Shocca, Venerus, Ginevra, per chiudere domenica con i Coma Cose.

Mercoledì Santeria ospiterà gli incontri con Tony Hadley, Clever Gold con Dutch Nazari, Selton. Mentre giovedì Arci Bellezza ospiterà Margherita Vicario.

E poi ovviamente… tanti concerti

Diciamolo subito: chicca assoluta, i Calibro 35 al Conservatorio per presentare Calibro 35 plays Morricone. Poi dal 21 al 27 novembre: la coppia evergreen Venditti&De Gregori al Teatro degli Arcimboldi; Verdena e Bastille all’Alcatraz.

E non possiamo non ricordare: La Rappresentante di Lista, Kid Cudi, Lost Frequencies, Wolf Alice, Alfa al Fabrique; Luchè al Forum di Assago; Sissi all’Arci Bellezza; PFM al Teatro Lirico Giorgio Gaber; Cyril Cyril, Bawrut, La Niña, Marina Herlop e Venerus e Blinky al BASE Milano; Tony Hadley al Teatro degli Arcimboldi, Night Skinny, Bresh ed Emma Nolde in Santeria e molti altri ancora!

Anche per questa edizione, Linecheck – Music Meeting and Festival sarà main content partner della Milano Music Week. Dal 22 al 26 novembre a BASE Milano ci saranno cinque giorni di eventi. Un vero e proprio Festival di musica e incontri dedicati a professionisti e appassionati di musica. Il tema principale del festival sarà #INEXILE, un concetto ampio che racchiude in sé l’idea della distanza fisica dalla propria patria, nonché l’impossibilità di lasciarla o di sentirsi liberi di muoversi verso mete che potrebbero diventare “nuove patrie” lungo il proprio cammino.

Non da ultimo, mercoledì 23 novembre alle 19 si terrà al cinema Ariosto Anteo l’anteprima italiana del documentario Elvis: That’s the Way It Is di Denis Sanders. Segnato dalla morte del fratello, il giovane Elvis coltiva la propria passione per il canto. Filmati di repertorio mostrano la stella del rock nei dietro le quinte, durante le prove, per strada prima di un concerto a Las Vegas. Introduce la proiezione Tommaso Toma, direttore di Billboard Italia.

Puglia Sounds Plus

Articolo Precedente
Rondodasosa

Who Is Rondodasosa, Showing All His Souls with the Album “Trenches Baby”

Articolo Successivo
I Coma Cose, California e Fausto Lama. Foto di Mattia Guolo

La crisi e la rinascita dei Coma Cose dentro "Un meraviglioso modo di salvarsi"

Articoli correlati
Puglia Sounds

Total
2
Share