Al Lakedance Festival per festeggiare i 300 anni di Bavaria | Billboard Italia
Collegati con noi

EVENTI

Al Lakedance Festival per festeggiare i 300 anni di Bavaria

Un viaggio in Olanda per festeggiare insieme agli Showtek e all’incredibile lineup del Lakedance Festival una birra con una lunga storia alle spalle.

Al Lakedance Festival per festeggiare i 300 anni di Bavaria

Si è svolto all’Aquabest, il parco acquatico vicino ad Eindhoven, il Lakedance Festival, una kermesse nata nel 2005 come un piccolo beach party locale del Beachclub Sunrise. E ora diventato, negli anni, uno dei festival più ambiti della regione. Alla prima edizione parteciparono 800 persone e sul palco suonarono DJ del calibro di Benny Rodrigues e Roog. Saranno stati gli artisti presenti o il luogo suggestivo, fatto sta che il Lakedance Festival è cresciuto esponenzialmente da allora. Nel 2007 ha inaugurato la seconda data annuale e a oggi conta oltre 40mila partecipanti.

Hardwell, Afrojack, Fedde Le Grand, Sunnery James & Ryan Marciano, Don Diablo, Steve Angello, Laidback Luke, Shermanology sono solo alcuni degli artisti che si sono esibiti sui palchi del Lakedance Festival. Sì: “palchi”, perché per intrattenere 40mila persone non ne basta uno. E qui ce ne sono ben cinque.

Gli stage del Lakedance Festival

C’è il mainstage sul quale si sono esibiti gli Showtek come headliner oltre a Abc, Deepend, Julian Jordan, Joe Stone, Justin Mylo, Kaaze, Kryder, Matisse & Sadko, Hakim Midhat e MC Haits.

C’è lo stage We are Defected (della Defected Records) con Todd Terry, DJ Licious, Matjoe, Roog, Sandy Rivera, Sebastián K.

Il This=Music stage dove abbiamo trovato la ricercatezza della deep house music e la migliore techno con Nick Curly, De Sluwe Vos, Dairus Syrossian, Ingo Vision, Bjorn Wolf, Yorick Knijff.

Il Winter Park dove quello che conta è fare festa e divertirsi e dove i coriandoli e i gonfiabili si sono mossi al ritmo della musica di Jeckyll & Hyde, Billy the Kit, Buren van de Brandweer, Childsplay, Chris Deluxe, Dansado & de Feestneger, Dr. Dude, Lampegastuh, Lanterfantje, Aap uit de Mouw.

E infine c’è Heimwee (“nostalgia” in olandese), lo stage che ha riproposto i grandi classici e le amate hit anni Novanta e Duemila con Gio, Darryl, Golddigger$, Dirty-T, Kids by Nature, Derek Shots, Janno Kersten, Bintgenoten Soundsystem, Martin B, Duo Vivace.

Uno sponsor d’eccezione

E quest’anno c’erano degli ospiti d’eccezione, dei veri VIP: 300 consumatori di birra Bavaria provenienti da tutto il mondo. Una signora birra, una di quelle che si sanno divertire perché ha scelto proprio questo festival per festeggiare i suoi 300 anni. Sì: 300 anni festeggiati in un weekend dedicato alla degustazione di birra e alla buona musica. I fortunati vincitori del concorso insieme a qualche selezionato ospite, tra cui noi di Billboard Italia, hanno avuto la possibilità di visitare lo stabilimento di Leishout e scoprire il segreto del luppolo, del malto ma soprattutto dell’acqua che si cela dietro questa birra.

Prima però di svelare i segreti della produzione è stata presentata la storia del birrificio, una storia che risale al 1719 e che rende Bavaria un brand unico in quanto ancora a conduzione familiare e il più grande birrificio indipendente in Europa. E per concludere la visita in bellezza la famiglia Swinkels ha sorpreso i suoi ospiti con un DJ set “privato” degli headliners del Lakedance Festival: gli Showtek.

Quattro chiacchiere con il CEO

Oltre a gustarci della buona musica e dell’ottima birra (anche analcolica) abbiamo incontrato Peer Swinkels, CEO della Royal Swinkels Family Brewers.

Come è nata l’idea di festeggiare questo importante compleanno al Lakedance Festival?

Uno dei motivi principali è il nostro mercato di riferimento. I giovani sono cambiati in questi anni. Se prima il loro principale sfogo e divertimento erano i club e i pub, oggi partecipano sempre di più ai festival musicali. Anche per questo il numero dei festival in Olanda è aumentato esponenzialmente. E il Lakedance, tra i vari festival, è uno dei più familiari. Anche se oltre al Lakedance sponsorizziamo diversi altri festival in Olanda.

Che rapporto ha Bavaria con la musica?

Da sempre il connubio birra e musica va per la maggiore e noi non siamo da meno. Basti pensare che per i festeggiamenti che si sono tenuti a fine marzo nel birrificio per i clienti olandesi abbiamo fatto organizzare il tutto a una società che di solito organizza festival proprio perché il fulcro dell’evento, oltre alla birra ovviamente, è stata la musica.

Che rapporto avete con l’Italia?

La prima cosa che vorrei dire è che il mercato italiano è stato il primo mercato estero in cui abbiamo importato. Fu mio padre a cominciare il business dell’esportazione nel ’71 proprio in Italia e oggi è uno dei mercati nella nostra top 10. L’altra cosa curiosa è che è l’unico paese, che mi venga in mente, dove le bottiglie da 66 cl vanno per la maggiore: è un mercato dove la birra si condivide come il vino.

"The Beach Bum" aprirà il Milano Film Festival "The Beach Bum" aprirà il Milano Film Festival

“The Beach Bum” aprirà il Milano Film Festival

FILM

Da oggi esistono un "avanti" e un "dopo" Jova Beach Party Da oggi esistono un "avanti" e un "dopo" Jova Beach Party

Da oggi esistono un “avanti” e un “dopo” Jova Beach Party

EVENTI

Giovanissimi e "Senza Paura": intervista ai The Minis Giovanissimi e "Senza Paura": intervista ai The Minis

Giovanissimi e “Senza Paura”: intervista ai The Minis

ROCK

Ha ancora senso produrre i CD? Pare proprio di sì (vedi Taylor Swift e Tool)

BUSINESS

Copyright © 2019 Billboard Italia

Connect
Newsletter Signup