Eros Ramazzotti, con tour mondiale e nuovo album diventa operativo l’accordo fra Vertigo e Radiorama

Con un disco in uscita a settembre (titolo: Battito Infinito), l’artista è pronto a tornare dal vivo. Viene messa in atto la piena sinergia fra la società che lo rappresenta e il promoter
Eros Ramazzotti - World Tour - Vertigo - Radiorama - foto di Maki Galimberti
Eros Ramazzotti (foto di Maki Galimberti)

Qualche mese fa vi abbiamo raccontato il recente accordo di esclusiva “onnicomprensivo” (tour, produzione discografica, promozione, iniziative speciali per i fan) siglato fra Radiorama (società che rappresenta Eros Ramazzotti) e il promoter Vertigo. Per la prima volta, un artista italiano condivide con un soggetto unico tutti gli aspetti relativi alla sua carriera, dalla discografia ai concerti, dalle sponsorizzazioni ai diritti televisivi.


Per Ramazzotti manca sempre meno alla sua “World Tour Première”, assaggio del suo prossimo tour mondiale che porterà in location suggestive di cinque città (da Siviglia ad Atene) anche le canzoni del nuovo album in uscita lo stesso mese.


Infatti è confermata per il 16 settembre la release di Battito Infinito (Capitol Records / Vertigo / Eventim), anticipato dal singolo AMA. Contestualmente è stato anche annunciato il Battito Infinito World Tour, in partenza il 30 ottobre da Los Angeles. I preordini di Battito Infinito sono disponibili da venerdì 10 giugno. Daranno diritto ai fan di accedere alla prevendita esclusiva di 48 ore del nuovo tour mondiale dalle 10.00 CET di martedì 21 giugno. La vendita generale partirà poi giovedì 23 giugno ore 10.00 CET su www.ramazzotti.com e www.vertigo.co.it.

Ora che il deal diventa pienamente operativo, dunque, è un’occasione, dunque, per interpellare nuovamente gli stessi protagonisti: Andrea Pieroni di Vertigo e Gaetano Puglisi di Radiorama.

Cosa rappresenta questo ritorno ai live per Eros?

Andrea Pieroni: Il tour mondiale in partenza a settembre 2022 è la punta di diamante della nuova fase artistica di Eros e dell’accordo stipulato tra noi di Vertigo/Eventim e Radiorama. È il risultato di una forte sinergia che finalmente vedrà concretizzarsi il lavoro minuzioso di mesi.

Gaetano Puglisi: Sarà un’evoluzione, un passo avanti, rispetto a ciò che è stata la tournée di grande successo del 2019/20, e l’occasione di reimmergerci finalmente al cento per cento nell’esperienza-concerti dopo quasi tre anni di stop forzato. Ripartiamo dai live, questa volta per rivoluzionare il mondo della musica.

La “World Tour Première” farà tappa in location antiche e suggestive: cosa ha determinato queste scelte?

GP: La voglia di offrire al pubblico uno show memorabile sotto tutti i punti di vista. Tutte le location della World Tour Première sono luoghi magici, arene meravigliose. Da La Maestranza di Siviglia al Caesarea Amphitheater di Caesarea (in Israele, ndr) e ad Atene, passando per la nostra Arena di Verona e il nostro Teatro della Valle dei Templi. Volevamo tornare con un progetto unico e indimenticabile, che marchiasse a fuoco e rendesse indelebile questo nuovo capitolo della carriera di Eros.

Cosa ci potete anticipare sul tour mondiale vero e proprio e sull’album di prossima uscita? Il disco è confermato per settembre?

AP: Il World Tour sarà qualcosa di immenso: attraverseremo Nord, Centro e Sud America, per tornare poi in Europa con tantissime date. Partiremo da una città particolarmente speciale, che da molti anni attende questo concerto. Faremo poi tappa in quelli che sono i posti del cuore di Eros.

GP: Sono passati quattro anni dall’ultimo album in studio di Eros Ramazzotti, quello che uscirà a settembre sarà un progetto discografico di risonanza mondiale. Il disco è un manifesto della sua rinnovata identità artistica, un importantissimo tassello che va ad aggiungersi ai grandi successi del passato.

In che modo tour e disco mettono in atto la strategia definita con il deal di esclusiva fra Radiorama e Vertigo?

AP: I preordini del nuovo disco daranno automaticamente diritto ai fan di accedere alla prevendita esclusiva di 48 ore del World Tour. Per la prima volta in Italia un artista condivide con un soggetto unico tutti gli aspetti relativi alla sua carriera. Discografia e concerti, sponsorizzazioni e diritti televisivi.

Si tratta di un accordo che valorizza il contatto “fisico”: concerti, possesso di dischi. In che modo, oggi, nell’epoca della musica liquida, si può rimettere al centro l’esperienza fisica della musica?

GP: Un modo è sicuramente quello di proporre ai fan esperienze efficaci nuove e confortevoli. A partire dall’acquisto di un disco fisico o di un vinile, il pubblico accede prioritariamente all’acquisto dell’esperienza del concerto dal vivo per poter vivere a pieno la sua musica preferita. È un percorso in crescendo, una vera e propria experience dall’oggetto al live. Per qualsiasi artista il contatto diretto con i fan è fondamentale. Con questo nuovo tipo di deal, Ramazzotti dimostra di volerci prestare la massima attenzione.

Le date della World Tour Première di Eros Ramazzotti

15 settembre– La Maestranza, Siviglia

17-18 settembre– Teatro della Valle dei Templi, Agrigento

20-21-23-24 settembre – Arena di Verona, Verona

1 ottobre – Atene (venue TBA)

6-8 ottobre – Caesarea Amphitheater, Caesarea


Articolo Precedente
Elton John

L'Araba Fenice Elton John brilla ancora

Articolo Successivo
The Spiders from Mars (c) The David Bowie Archive - foto di Brian Ward

Un giorno con Ziggy Stardust: intervista al batterista Woody Woodmansey per i 50 anni dell’album

Articoli correlati

Total
89
Share