C2CMLN shared by Gucci, un evento per tornare a stare vicini

Nato dalla costola di C2C Festival e in collaborazione con Gucci e miart, la due giorni nella città meneghina propone alcuni interessanti appuntamenti per ritrovare il concetto di “vicinanza”
Caterina Barbieri
Caterina Barbieri, protagonista con i FORSE ORA della musica di C2CMLN shared by Gucci

La collaborazione tra la Maison Gucci e uno fra i più apprezzati eventi musicali d’avanguardia, il C2C Festival, torna per il quarto anno per celebrare la musica, gli incontri e le performance con un evento esclusivamente in presenza. C2CMLN shared by Gucci insieme a miart si terrà i prossimi 16 e 17 settembre in tre diverse location di Milano. Minimo comun denominatore: festeggiare tutto ciò che è “vicinanza”, di culture, di spazi e di espressioni artistiche.

Una scelta che ribalta la concezione di “distanza” e che invita i partecipanti a toccare con mano, attraverso la fruizione dal vivo dell’evento, le iniziative proposte anche quest’anno da C2CMLN. Al Cinema Beltrade, al District 272 (ex Striptease) e alla Casa degli Artisti, sarà possibile radunare le community locali, con un cartellone selezionato di ospiti, proiezioni e conversazioni.

Il programma di C2CMLN

Si parte il 16 settembre con l’artista e musicista Enrico Boccioletti in dialogo con il giornalista e musicista Mattia Barro. Protagonista della prima proiezione sarà invece Giovanna Silva, che con Nightswimming: Discotheques from the 1960s to the Present, presenterà un progetto fotografico dedicato allo spazio delle discoteche visto come fenomeno antropologico e architettonico dagli anni ’60 ad oggi. A chiudere il pomeriggio, la performance dell’artista e poetessa tedesca Luzie Meyer.

La sera, invece, i FORSE ORA animeranno gli spazi dell’ex Striptease di via Padova 272, location scelta per raccontare l’evoluzione urbana di un luogo nato come cinema, poi discoteca, e poi ancora locale di striptease.

FORSE ORA, progetto musicale di Caterina Barbieri, Lorenzo Senni e Jim C. Nedd ci sarà anche il giorno dopo, 17 settembre, in un dialogo con il il curatore e direttore artistico Andrea Lissoni alla Casa degli Artisti. Inoltre, la performance del gruppo sarà caratterizzata dalle prove aperte “open rehearsal”. 3 ore al giorno in cui il pubblico potrà assistere, entrando a turno, a diversi momenti dell’esibizione degli artisti.

Da lunedì 13 settembre ci si potrà registrare su DICE per partecipare agli eventi gratuitamente.

Articolo Precedente
Maneskin

I Måneskin si esibiranno a Londra per il Global Citizen Live

Articolo Successivo
concerto microfono

Per la ripresa dei concerti è il momento di esporsi in prima persona


Articoli correlati
Total
0
Share