Si aprono le iscrizioni per la nuova edizione di Bologna Musica d’Autore

Torna Bologna Musica d’Autore, lo showcase festival che porta i nuovi talenti a confrontarsi per la prima volta con il mercato musicale
Bologna Musica d'Autore
Bologna Musica d’Autore, foto Andrea Ranzi

È arrivato alla qunta edizione il BMA – Bologna Musica d’Autore, organizzato da Fonoprint Studios. L’evento è diventato una delle occasioni più attese dai talenti della nuova musica italiana per il loro primo confronto con il mercato.

Una “chiamata ai creativi” dello studio che ha raggiunto il ruolo, nel corso degli anni, di centro vitale della canzone d’autore italiana, declinata con una formula nuova. Diventa infatti un percorso che, nei prossimi mesi, porterà i 6 artisti selezionati a entrare in rapporto con il pubblico attraverso una serie di esibizioni live che precederanno la finale in data da destinarsi. Una bella opportunità per chi crede di avere talento e creatività. Come dimostra il fatto che, ad esempio, Neno, vincitore dell’edizione 2019, è stato uno dei protagonisti di Amici, mentre Nebbiolo, un vincitore per il miglior testo, è stato scelto per aprire i live degli  Ex-Otago.

Come partecipare a Bologna Musica d’Autore

I musicisti selezionati saranno seguiti costantemente da un gruppo di ‘tutor’. Questi non avranno solo il ruolo di giurati, ma li accompagneranno fino al concerto che decreterà il vincitore e che verrà preceduto da una serie di live in vari club. Bologna Musica d’Autore infatti è uno showcase festival, che offre ai partecipanti l’occasione di suonare dal vivo in alcuni tra i luoghi di riferimento della scena live.

Bologna Musica d’Autore è aperto ad artisti da soli o in gruppo tra i 16 e i 35 anni (per i gruppi fa fede la media dell’età dei componenti), che possono partecipare presentando dai due agli otto brani inediti entro il 20 giugno.

Una commissione di addetti ai lavori selezionerà le sei migliori proposte, esprimendo quindi un giudizio che non riguarda la singola canzone, ma le potenzialità complessive dell’artista. I sei selezionati saranno affiancati in un percorso di crescita artistica che graviterà proprio intorno agli studi dove è nata la grande canzone d’autore italiana, i Fonoprint Studio.

Informazioni e iscrizioni su www.bolognamusicadautore.it

Articolo di Pierfrancesco Pacoda

Articolo Precedente
Il Divin Codino

“Il Divin Codino” e Matteo Buzzanca: come raccontare in musica un campione

Articolo Successivo
Muse

I Muse saranno tra gli headliner di Firenze Rocks 2022


Articoli correlati
Festival Balamondo
Leggi di più

Festival Balamondo, gli incontri impossibili del liscio

Cosa hanno in comune le aie romagnole con le avanguardie noise newyorchesi di Marc Ribot, la tradizione romagnola con le milonga dei Gotan Project, un classico di Raoul Casaedei e il funk di Roy Paci? C’è un lungo festival diffuso, curato dal figlio di Raoul, Mirko, che prova a dare una risposta: il liscio, la club culture prima della club culture
Total
2
Share