Con “Aperol with Heroes” vince la diversità e siamo tutti supereroi

L’evento, venerdì 17 e sabato 18 settembre, vedrà salire sul palco sei artisti per ogni serata e sarà incentrato sui temi della diversità e sull’essere tutti supereroi, dai cantanti agli addetti ai lavori dietro le quinte
Elodie Aperol with Heroes
Elodie, foto ufficio stampa

Un messaggio forte e chiaro: siamo tutti supereroi. È questo uno dei temi importanti di Aperol with Heroes, l’evento dal vivo e in streaming in programma all’Arena di Verona domani, venerdì 17 settembre, e sabato, 18 settembre.

Quest’anno, dopo l’esperienza del 2020, l’evento è stato suddiviso su due serate, diventando un vero e proprio festival che ospiterà 12 artisti. La particolarità di Aperol with Heroes è che quest’anno gli artisti, sei per ogni serata, avranno la possibilità di esibirsi con un set creato ad hoc, della durata di circa 20-25 minuti. Ognuno di loro salirà sul palco per portare il suo messaggio e la sua arte attraverso la musica.

Mission Diversity: il progetto lanciato da Music Innovation Hub – Impresa sociale insieme a Keychange e PRS Foundation

In particolare, quest’anno uno dei messaggi fondamentali di Aperol with Heroes non riguarda solo l’essere supereroi, ma anche la diversità. Infatti per questa seconda edizione alla base dell’evento c’è un progetto sociale importante: Mission Diversity. Questo sarà realizzato da Music Innovation Hub – Impresa Sociale insieme alla rete internazionale Keychange e a PRS Foundation.

L’obiettivo del programma è quello di raggiungere l’uguaglianza di genere ed emancipare tutte le donne e le ragazze a sostegno di tutte le forme di diversità e promuovere la parità di genere nell’industria. Il programma partirà proprio con Aperol with Heroes e finirà in occasione dell’incontro della Nazioni Unite sui 17 SDG a Bonn a maggio 2022.

La line up di Aperol with Heroes

Nella prima serata, quella di venerdì 17 settembre, a salire sul palco saranno: Ariete, Elodie, Mahmood, Massimo Pericolo, Negramaro e Sangiovanni. Nella seconda serata, sabato 18 settembre, si esibiranno all’Arena di Verona: Achille Lauro, Carmen Consoli, Emma, Gazzelle, La Rappresentante di Lista e Madame.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da 𝙃𝙀𝙍𝙊𝙀𝙎 (@aperolwithheroes)

«L’anno scorso è stato fatto un ottimo lavoro, considerando la situazione in cui ci si trovava. Quando siamo state chiamate abbiamo fatto un pensiero: bisogna considerare la diversità come un super potere da sbloccare. Quindi, gli artisti sul palco sono supereroi, ma non solo». A dirlo durante la conferenza stampa è Marta Donà, direttrice artistica di Aperol with Heroes. «Infatti, tutti devono sentirsi degli eroi per quelle sere, dal pubblico ai tecnici. Inoltre, la diversità deve diventare motore di una società più inclusiva, ricca di sfumature e quindi migliore».

«Aperol with Heroes è stato concepito come l’insieme di tante voci che nel modo più diverso possibile dicono la stessa cosa: solo dalle diversità possiamo ottenere grandi risultati» ha spiegato Simona Muti di LaTarma. «Gli artisti non portano il pezzo dell’estate, ma un pezzo della loro vita. Inoltre, non ci sarà solo musica, ma anche tantissime parole. Ogni artista sarà anticipato come se fosse un supereroe che porta un messaggio importante sul palco».

«Siamo felici di tornare a celebrare la musica live» ha raccontato Giorgia Vago, Aperitifs Marketing Manager di Aperol. «Ci sono tre ingredienti fondamentali nell’evento: Aperol, musica e territorio. Il primo è sinonimo di aperitivo, senza dubbio eccellenza italiana anche nel mondo. Il secondo ingrediente, la musica, come Aperol è un linguaggio universale, in grado di parlare a tutti creando sintonia. Ultimo ingrediente è il territorio, il Veneto, dove Aperol è nato nel 1919. Siamo convinti che Aperol with Heroes potrà essere un grande evento che supporterà un messaggio condiviso: tutti possiamo essere supereroi».

Sul ritorno ai live non servono test, ma certezze

In questo momento, in cui la ripartenza dei concerti in autunno-inverno sembra ancora incerta, Aperol with Heroes rappresenta un chiaro messaggio, come spiegato da Marta Donà: «In un momento storico in cui gli artisti sono chiamati a posticipare gli eventi live, fare un evento del genere è già di per sé un messaggio. Tutti sono stati liberi di interpretare la mission e quindi ogni artista troverà il proprio linguaggio e le modalità di racconto più appropriate».

«Questo non è esattamente il palco per dirimere questo problema. A breve però avrete nostre notizie. Credo che sia inutile fare un test, l’Europa ne è piena. Bisogna riprendere e basta» ha detto Roberto De Luca, presidente di Live Nation. «Noi non vogliamo un test, ma chiederemo che la musica riprenda davvero e si torni a lavorare» ha aggiunto Ferdinando Salzano, presidente di Friends&Partner.

Aperol with Heroes porterà all’Arena di Verona, per due serate, messaggi e tematiche importanti. L’evento, come detto, sarà visibile sia dal vivo che in streaming su Live Now. I biglietti per le due serate sono disponibili su Ticketone, Ticketmaster e VivaTicket.

Articolo Precedente
Manuel Agnelli

Manuel Agnelli risponde a Morgan: «Meglio informarsi prima di aprire bocca»

Articolo Successivo
ECULTURE Group - foto di Joel Reyer - Unsplash

Nasce ECULTURE Group, nuovo global player di servizi integrati innovativi legati all’entertainment


Articoli correlati
Total
2
Share