A Firenze arriva MEFF, la fiera di sintetizzatori modulari – Il programma

Il 24 e il 25 marzo a Firenze si svolge la seconda edizione della fiera/evento di sintetizzatori modulari che coinvolge marchi nazionali e internazionali nell’ambito della produzione musicale

MEFF, una fiera che promuove l’incontro tra marchi nazionali e internazionali che lavorano nell’ambito della produzione musicale, in particolare per quanto riguarda la produzione e la vendita di sintetizzatori modulari.

La seconda edizione di MEFF (organizzata da Tiptop Audio e Lattexplus) si svolge il 24 e il 25 marzo 2018 presso gli spazi di Impact Hub e Buh! Circolo Culturale Urbano di Firenze. Il programma comprende coworking ed eventi performativi per andare sempre più a fondo delle nuove tecnologie che stanno alla base dei sintetizzatori modulari. A questo link il programma completo dell’evento.

Ne abbiamo parlato con l’ideatore di MEFF Piero Fragola di Tiptop Audio.

Perché organizzare una fiera di questo tipo?

Negli ultimi anni l’Europa ha vissuto un grande fermento, lo sviluppo della strumentazione per la produzione di musica elettronica ha riconquistato appassionati ed esperti di settore. Stiamo vivendo un momento storico importante che coniuga un parziale ritorno al passato alle nuove ricerche nel campo della tecnologia. Nel settore dei synth modulari abbiamo assistito alla nascita di un nuovo formato, chiamato “eurorack”. Vecchie strumentazioni analogiche, capaci di ricreare suoni ricchi e corposi vengono rispolverate, riprogettate, ridimensionate. Forme ridotte, costi più bassi e trasportabilità sono le parole chiave di questa riscoperta. Non è solo un viaggio verso il passato: molte di queste macchine analogiche possono essere affiancate e/o controllate da altre digitali. L’ibridazione permette la nascita di nuove soluzioni.

Chi sono i clienti ideali di una fiera di questo tipo?

L’invito è rivolto a tutti i brand che progettano e producono strumenti elettronici per far musica, ma anche a tutte le realtà che vi ruotano attorno. MEFF è un punto di incontro tra costruttori, musicisti, appassionati, curiosi e amici. Durante queste due giornate i visitatori potranno conoscere i progettisti degli strumenti che già possiedono o vogliono acquistare, far loro delle domande e provare in anteprima i loro nuovi prodotti. Potranno assistere a workshop dedicati e a performance musicali, oltre venti in soli due giorni. L’evento è a ingresso gratuito.

Quali sono tre dischi da ascoltare per ammirare al meglio il sound del synth modulare?

Un buon ascoltatore può viaggiare con la mente e nel tempo. Vi consigliamo di ascoltare sia alcuni vecchi dischi come quelli dei Tangerine Dream e di Morton Subotnick che alcune uscite della Tiptop Audio Records e della Make Noise Records.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo Precedente

Baustelle: «Per la prima volta abbiamo scritto un disco in tour»

Articolo Successivo
mina maeba

Esce "Maeba", il nuovo album di inediti di Mina

Articoli correlati
Total
2
Share