Super Bowl, Beyoncé e Jay-Z sono rimasti seduti durante l’inno nazionale

Il video pubblicato da TMZ dei coniugi Carter sta facendo molto discutere. Ecco cosa c’è sotto il gesto di Beyoncé e marito
Raven B. Varona/Parkwood/PictureGroup

In questa 54esima edizione del Super Bowl, l’inno nazionale è stato magistralmente interpretato da Demi Lovato. Di fronte a un pienissimo Hard Rock Stadium a Miami, l’artista era visibilmente emozionata. Ma durante la sua performance c’è attualmente un grande dibattito che, però, non è incentrato su di lei e sulla sua bellissima voce. Bensì su Beyoncé e Jay-Z.

I coniugi Carter erano infatti presenti alla cerimonia insieme alla figlia Blu Ivy e – mentre tutte le persone intorno si sono alzate in piedi per onorare l’inno – hanno deciso di restare seduti. Questo gesto (che è stato documentato da un video pubblicato da TMZ che sta facendo il giro del web) ha fatto molto discutere. Perché?

Bisogna ricordare che Jay-Z ha collaborato tramite la sua compagnia Roc Nation con la National Football League (NFL). L’artista ha di fatti co-prodotto la show dell’Half Time che quest’anno ha ospitato una performance ad alto ritmo di Shakira e Jennifer Lopez. Ma – di fronte alle critiche ricevute  – Jay-Z avrebbe affermato di essere in lotta per i diritti delle persone di colore. E che questa lotta la intende compiere dai vertici dell’azienda.

Secondo molti, infatti, dietro al gesto di Queen Bey e marito ci sarebbe il loro appoggio (già dichiarato a parole più volte) nei confronti di Colin Kaepernick. Il giocatore di football americano statunitense ha smesso di alzarsi in piedi dall’estate del 2016 durante l’inno nazionale statunitense. Il motivo? Per protestare contro le ingiustizie e le oppressioni subite dalla minoranza nera degli States. Più volte aveva condannato le uccisioni di persone di colore da parte degli agenti di polizia.

Il video pubblicato da TMZ con Beyoncé e Jay-Z



Articolo Precedente
Fatboy Slim

Fatboy Slim arriva all'Alcatraz di Milano il 13 febbraio

Articolo Successivo

Perché siamo tutti debitori verso Andy Gill, eroe del post-punk

Articoli correlati
Total
5
Share