"Sesso, droga e lavorare": arriva il nuovo libro de Lo Stato Sociale
Collegati con noi

DISCOVER

“Sesso, droga e lavorare”: arriva il nuovo libro de Lo Stato Sociale

“I regaz” de Lo Stato Sociale hanno annunciato l’arrivo di un nuovo libro, dal titolo “Sesso, droga e lavorare”. Ecco come lo hanno presentato

"Sesso, droga e lavorare": ecco il nuovo libro de Lo Stato Sociale

Non è la prima avventura letteraria per i ragazzi de Lo Stato Sociale. Il loro nuovo libro, Sesso, Droga e Lavorare, esce il prossimo 19 settembre per Il Saggiatore. Ma in questi ultimi anni la band di Bologna ha già lanciato due progetti editoriali: Il Movimento è Fermo e Andrea.

Questa nuova uscita racconta la volontà del collettivo di non limitarsi solamente al campo della musica: è la volontà di lanciare dei messaggi sotto varie forme creative. Secondo quanto comunicato, infatti, «Sesso, Droga e Lavorare è un romanzo di formazione generazionale che riflette sul mondo del lavoro di oggi e su cosa voglia dire crescerci oggi».

Lo Stato Sociale incontrerà i fan in alcuni appuntamenti in giro per l’Italia per le presentazioni del libro e per alcune sessioni di live writing con il pubblico.

La presentazione del libro

“I regaz” hanno presentato il libro con queste righe. «La vita. Nascere e crescere. Andare male a scuola, occupare la scuola, fare fuga a scuola per andare al parco. Andare al parco e farsi una canna sotto il sole. Avere le allucinazioni. Pensare a mille cose, non pensare proprio a nulla. Domandarsi che cos’è il nulla? Che forma ha, che odore fa il nulla? Pensare a quanto è bello il sesso, dentro una macchina, dietro un’aiuola. La sera starsene a casa sul letto a sognare. Le stelle, gli abissi, i buchi neri. Nella mente. I Radiohead. Nello stereo. I System of a Down. Sulla maglietta. E poi d’estate al mare. La spiaggia, gli ombrelloni, le ragazze. La vita. Nascere e crescere, e poi…».

E continua: «E poi si va a lavoro. L’ufficio, il capo, la scrivania. Giacca e cravatta. Buongiorno e buonasera. Perdere il lavoro, trovarne un altro. Perdere l’altro, cercarne uno nuovo. Vivere per lavorare. Lavorare per vivere. Era meglio fare l’università. Fare l’università e capire che non è servita a nulla. Lo stipendio, poco o niente. Andare a ballare per non pensare al mondo. Il mondo fa schifo ma la vita è bella. Anche quella ragazza è bella. Il suo corpo, bello. La sua voce, bella. Sposarla, farci i figli, forse un giorno divorziare. L’amore. Che cos’è l’amore? L’amore non esiste, non è niente, è tutto».

Concludono così: «Ma che significa tutto? Com’è fatto il tutto? La vita. Nascere e crescere, e poi… Sesso, droga e lavorare è l’autobiografia del nostro tempo, un romanzo di formazione scritto dal gruppo che più ha saputo dare voce alle speranze e alle delusioni di un’intera generazione, che racconta chi siamo stati, chi siamo e chi forse saremo. E in cui i protagonisti, alla fine, siamo proprio noi».



"The Beach Bum" aprirà il Milano Film Festival "The Beach Bum" aprirà il Milano Film Festival

“The Beach Bum” aprirà il Milano Film Festival

FILM

Da oggi esistono un "avanti" e un "dopo" Jova Beach Party Da oggi esistono un "avanti" e un "dopo" Jova Beach Party

Da oggi esistono un “avanti” e un “dopo” Jova Beach Party

EVENTI

Giovanissimi e "Senza Paura": intervista ai The Minis Giovanissimi e "Senza Paura": intervista ai The Minis

Giovanissimi e “Senza Paura”: intervista ai The Minis

ROCK

Ha ancora senso produrre i CD? Pare proprio di sì (vedi Taylor Swift e Tool)

BUSINESS

Copyright © 2019 Billboard Italia

Connect
Newsletter Signup