Connect with us

FILM

PJ Harvey: domani online il potente docu-film “A Dog Called Money”

Per giovedì 21 maggio, alle 19.30, si può acquistare il biglietto sulla piattaforma Wanted Zone per vedere l’intimo e umano docu-viaggio di PJ Harvey

PJ Harvey sul set del docu-film di Seamus Murphy, A Dog Called Money
PJ Harvey sul set del docu-film di Seamus Murphy, A Dog Called Money

Finalmente da domani è possibile vedere A Dog Called Money di PJ Harvey e Seamus Murphy, il potente docu-viaggio tra Kosovo, Afghanistan e Washington D.C.

Ci si potrà collegare domani, giovedì 21 maggio, alle 19.30, sulla piattaforma Wanted Cinema e comprare il biglietto per assistere alla proiezione virtuale.

PJ Harvey è una delle rockstar più autentiche e genuine in circolazione. Definita la Patti Smith degli anni ’90, in A Dog Called Money si è esposta totalmente, grazie anche alla complicità del regista e fotografo Seamus Murphy.

Assieme hanno viaggiato tra le rovine del Kosovo, le strade con le fogne a cielo aperto dell’Afghanistan e i ghetti di Washington D.C.

Ed è proprio quest’ultima tappa che ha suggerito il titolo di quello che è ancora il suo ultimo album, il nono in studio, The Hope Six Demolition Project, uscito nel 2016. E infatti le immagini si soffermano spesso nei quartieri più poveri della capitale USA, che tramite il progetto Hope VI, il governo degli Stati Uniti ha demolito per far spazio a nuovi insediamenti abitativi.

Mentre lei raccoglieva le parole, lui imprimeva le immagini, in un’azione di produzione creativa on the road diventata occasione per la ri-costruzione.

Quando vedrete A Dog Called Money capirete subito che è l’umanità al centro dell’opera. È impossibile non riflettere sulla responsabilità pubblica di un’artista come PJ Harvey di fronte a un progetto così profondamente intriso di povertà e sofferenza colta nei Paesi visitati.

L’intimità dei pensieri dell’artista che diventano pubblici insieme a doverosi racconti di cronaca degli orrori quotidiani sono stati parte di un accurato processo che PJ Harvey adottò – sempre con la complicità di Seamus Murphy – anche per la realizzazione del disco.

E questo grazie a un esperimento artistico senza precedenti, intitolato Recording Process, alla Somerset House di Londra. In una stanza appositamente costruita dietro un vetro unidirezionale, il pubblico veniva invitato a osservare il processo di lavorazione di cinque settimane come fosse una scultura sonora dal vivo.

Lo studio fu costruito in modo da consentire al pubblico di vedere e ascoltare la realizzazione dell’album senza che i musicisti fossero disturbati.

Gli artisti indossavano microfoni da bavero, per permettere al pubblico all’esterno di sentire ogni parola, ogni battuta e ogni nota che vibrava nella stanza. Tutto questo lo potete vedere nel docufilm, un’occasione peraltro ghiotta per tutti gli appassionati della brava PJ Harvey.

Beyoncé ha cantato alla festa prenuziale di due miliardari in India Beyoncé ha cantato alla festa prenuziale di due miliardari in India

Oggi è il Blackout Tuesday: la musica si ferma dopo la morte di Floyd

NEWS

Jay-Z Jay-Z

Jay-Z: «Giustizia per Floyd è solo il primo passo per guarire gli Stati Uniti»

NEWS

Le soundbar non sono tutte uguali tra loro. La nostra guida Le soundbar non sono tutte uguali tra loro. La nostra guida

Le soundbar non sono tutte uguali tra loro. La nostra guida

NEWS

Perturbazione - intervista - disamore Perturbazione - intervista - disamore

Dall’innamoramento al “(dis)amore”: i Perturbazione raccontano la parabola delle relazioni

ITALIANA

2017 - 2020 Copyright © Billboard Italia - BBI SRL a Parcle Group Company

Connect
    • TikTok
Newsletter Signup