Gli sfavillanti anni ’70 e l’omaggio a Raffaella Carrà: “Ballo Ballo” da stasera su Amazon

Esce oggi la commedia musicale del regista Nacho Álvarez, dedicata alla Carrà che ha apprezzato parecchio il film
Raffaella Carrà è la regina del Natale musicale 2018
Raffaella Carrà

Ballo Ballo è una bella commedia musicale ambientata negli sfavillanti anni ’70 in Spagna, periodo segnato però anche da una rigida censura dei costumi. Diretta dal regista dalla doppia nazionalità (spagnola e urugaiana) Nacho Álvarez, il film è anche un omaggio alla Raffa nazionale: «Ho cominciato 25 anni fa ad amare la musica di Raffaella Carrà, comprando in un mercatino un 45 giri a 50 centesimi e da quel momento ho collezionato tutti i dischi cantati da lei in spagnolo».

Parola di Álvarez, che ha girato un bel film pieno di musica e che è anche un pretesto per parlare di censura e rottura. La sinossi: Maria è una ragazza piena di vita e voglia di libertà, con la grande passione del ballo. Dopo avere abbandonato il suo promesso sposo davanti all’altare di una chiesa di Roma, torna a Madrid per scoprire cosa vuole davvero dalla vita. Va a vivere con la sua amica Amparo e con un colpo di fortuna riesce a entrare nel corpo di ballo del programma di maggior successo del momento, Las noches de Rosa.

Lì si innamora di Pablo, figlio del temibile censore televisivo Celedonio, che sta seguendo le orme del padre nell’emittente televisiva. Accompagnati dai più grandi successi di Raffaella Carrà, in un turbinio di musiche e di coreografie in technicolor, scopriremo se vale davvero la pena andare contro ogni regola e avere il coraggio di cambiare radicalmente la propria vita.

Il commento di Raffaella Carrà

Con un taglio filmico che fa ricordare molto i migliori lungometraggi di Pedro Almodovar, Ballo Ballo (co-prodotto dalla italianissima Indigo Film) è stato commentato dalla stessa Raffaella Carrà, che ha dichiarato:

«Mi è piaciuto moltissimo come Nacho Álvarez ha lavorato sulle musiche, sono inserite in un modo davvero sorprendente nel film. Gli attori sono tutti bravissimi, la storia è divertente e riesce a raccontare con leggerezza un periodo storico di grande cambiamento. Nacho è stato davvero fantastico nel dirigere questo film. Sentire le mie canzoni cantate da un’altra persona mi ha dato una strana, ma allo stesso tempo piacevole, sensazione… e poi le musiche sono davvero straordinarie e si percepisce anche una forza incredibile attraverso l’intero film, che ti attraversa e riesce ad arrivarti dritta al cuore!».

IN ANTEPRIMA ESCLUSIVA SU AMAZON PRIME VIDEO
DAL 25 GENNAIO

Articolo Precedente
Sfera Ebbasta, fonte: Ufficio Stampa

Sfera Ebbasta: perché i suoi tweet fanno discutere i fan del pop italiano

Articolo Successivo
Amadeus a Sanremo 2020

Sanremo 2021, ipotesi figuranti per il pubblico ed è polemica


Articoli correlati
Total
13
Share