Monegros 2022: il festival del deserto è una dedica ai rave degli anni ’90

Torna sabato 30 luglio l’appuntamento con il festival spagnolo che nella sua 29esima edizione conta oltre 120 artisti, 55mila spettatori e più di 20 ore di musica
Torna ad agosto 2020 il Monegros, il rave nel deserto più grande d’Europa

Torna il Monegros, storico festival spagnolo. Arrivato alla sua 29esima edizione, quella di quest’anno sarà davvero imperdibile. Il prossimo 30 luglio, più di 120 artisti si alterneranno per 20 ore di musica, suonando di fronte a 55mila persone.


Juan Arnau, CEO e fondatore del Monegros, ha commentato: «Non siamo tornati per fare la stessa cosa, vogliamo offrire al mondo la più grande produzione mai vista nella storia di Monegros».


L’edizione di quest’anno sarà una dedica ai rave degli anni ’90. Proprio la scena rave è stata alla radice della nascita del festival stesso, concepito nel 1992. La famiglia Arnau, che aveva assistito a molti eventi del genere, ha pensato di voler ricreare qualcosa di simile anche a casa loro. 30 anni dopo, il Monegros è uno degli eventi più importanti dell’anno, che vede artisti e pubblico da tutto il mondo.

Quest’anno il Monegros porterà grandi nomi come la leggenda dell’hip-hop Busta Rhymes e il duo Psycho Realm, che festeggia 25 anni di attività. Con questi ultimi, ci sarà anche Dj Muggs dei Cypress Hill. E poi ancora Chase&Status, Paul Kalkbrenner, Vitalic e SFDK e molti altri.

Malgrado il festival sia ormai alle porte, è ancora possibile acquistare i biglietti attraverso il sito ufficiale.


Articolo Precedente
Sans Dieu - 1

Sans Dieu, tradizione streetwear e attenzione all’innovazione: storia di un successo inaspettato

Articolo Successivo
Leonard Cohen

Nell'album tributo a Leonard Cohen, "Here It Is", ci saranno anche Iggy Pop, Norah Jones e James Taylor

Articoli correlati

Total
0
Share