Vincenzo Spera è diventato commendatore della Repubblica Italiana

Il Presidente di Assomusica Vincenzo Spera ha ricevuto l’onorificenza di commendatore dell’Ordine “Al merito della Repubblica italiana”
Il Presidente di Assomusica Vincenzo Spera è diventato commendatore della Repubblica Italiana
Il Presidente di Assomusica Vincenzo Spera è diventato commendatore della Repubblica Italiana

Il Presidente di Assomusica, Vincenzo Spera, ha ricevuto l’onorificenza di commendatore dell’Ordine “Al merito della Repubblica italiana”.


La cerimonia si è svolta ieri, mercoledì 17 giugno, presso il Palazzo Doria-Spinola di Genova. Il Prefetto della città, Carmen Perrotta, ha consegnato al rieletto Presidente di Assomusica questa onorificenza. Quest’ultima è dedicata a chi si distingue nel campo delle lettere, delle arti, dell’economia, nelle pubbliche cariche e in attività svolte ai fini sociali, filantropici e umanitari o per segnalati servizi nelle carriere civili e militari.


Vincenzo Spera è Presidente dell’Associazione degli Organizzatori e Produttori di Spettacoli di musica dal vivo dal 2012. Ha commentato così questa bella notizia: «Per me è un grande motivo di orgoglio e felicità. Credo che sia anche significativo, perché il nostro lavoro è spesso tenuto in scarsa considerazione. Un riconoscimento ad una professione che è di grande importanza socio-culturale e di aggregazione emozionale».

E ha concluso: «In tutti questi anni, attraverso la musica, ho avuto modo di creare relazioni internazionali e di sostenere, grazie soprattutto alla disponibilità degli artisti, iniziative sociali legate alla ricerca e alla medicina, insieme a progetti in occasione di calamità naturali, in Italia e non solo».

Leggi qui una nostra recente intervista a Vincenzo Spera.


Articolo Precedente
Arctic Monkeys

Arctic Monkeys nel club dei miliardari per le views di "Do I Wanna Know?"

Articolo Successivo
Morto a 28 anni Yohan, star del K-pop e membro dei TST

Morto a 28 anni Yohan, star del K-pop e membro dei TST

Articoli correlati
Leggi di più

2018, fine del monopolio Siae: ecco cosa cambia

Il “liberi tutti” è arrivato poco prima che piombasse sull'Italia una multa dell'Unione europea ma alla fine anche Roma si è decisa: il monopolio sulla gestione dei diritti d'autore non esiste più. Dal 2018 la Siae potrà incontrare sul suo cammino uno o più concorrenti

Total
12
Share