Billboard 200: saranno conteggiate anche le views dei video di YouTube

I dati audio e video di YouTube – così come le riproduzioni di molti servizi streaming – saranno presto inclusi nella classifica degli album Billboard 200
Google ha lanciato nuovi strumenti di privacy per YouTube
Aytac Unal/Anadolu Agency/Getty Images

Importanti novità per le classifiche degli album Billboard 200. I dati audio e video di YouTube, insieme alle riproduzioni di numerosi servizi di streaming musicale, saranno presto inclusi nella classifica. Oltre a YouTube, nei calcoli della tabella degli album verranno inclusi i contenuti video con licenza ufficiale di Apple, Spotify, Tidal e Vevo.

Cosa succederà

L’inclusione dei dati video nella Billboard 200 arriva cinque anni dopo l’aggiunta dei flussi audio. Questo aveva segnato il passaggio del grafico da una misura di vendite a un modello di consumo. L’aggiunta dei dati sui video influirà anche sulle classifiche di consumo degli album di genere di Billboard, come country, R & B, Hip-Hop, Latin e altri.

Gli stream di YouTube sono stati inseriti nella Billboard Hot 100 e in altre classifiche specifiche per le canzoni da febbraio 2013. Ma quello che sta per accadere segnerà una “prima volta” per quanto riguarda le classifiche degli album. Contrariamente alle classifiche delle canzoni, che possono essere influenzate dai video generati dagli utenti, il conteggio per la Billboard 200 comprenderà solo i contenuti video ufficiali autorizzati caricati da o per conto dei titolari dei diritti.

Le modifiche entreranno in vigore con i grafici datati 18 gennaio 2020. Rifletteranno le vendite e i flussi del periodo dal 3 al 9 gennaio.

I commenti degli esperti del settore

«In qualità di amministratore delle classifiche definitive che sostengono la misurazione del consumo di musica del settore, il nostro obiettivo è quello di rispondere continuamente e riflettere accuratamente il panorama mutevole della musica», ha dichiarato Deanna Brown, presidente di Billboard-The Hollywood Reporter Group. «La nostra decisione di aggiungere YouTube e gli altri dati di streaming video alle nostre classifiche degli album riflette la continua evoluzione del mercato del consumo di musica e il modo in cui i consumatori si collegano ai contenuti relativi agli album».

Lyor Cohen, direttore musicale globale di YouTube, ha definito i cambiamenti «un momento molto importante per rendere la classifica una rappresentazione più accurata di ciò che la gente ascolta».

Ha poi aggiunto: «Generi come il latin, l’hip-hop e l’elettronica, che dominano costantemente le classifiche di YouTube, saranno ora adeguatamente riconosciuti per la loro popolarità. Questo è un altro grande passo nell’unire YouTube e l’industria. Siamo così grati a Billboard e alla musica in generale per aver fatto questa aggiunta».

La Billboard 200 classifica gli album più popolari della settimana in base al consumo multi-metrico. Include vendite di album tradizionali, album equivalenti di vendite di brani (TEA) e album equivalenti in streaming (SEA).

«Con i video, che rappresentano una percentuale sempre maggiore del consumo di musica su alcune delle piattaforme più grandi del mondo, l‘inclusione di YouTube e dei video in generale nella Billboard 200, nonché nelle classifiche di altri generi, rappresenta il prossimo avanzamento naturale per le nostre classifiche degli album», ha affermato Silvio Pietroluongo, Vice Presidente Senior dei grafici e dello sviluppo dei dati di Billboard.

Articolo Precedente
Elton John, nella shortlist degli Oscar per Never Too Late e per (I'm Gonna) Love Me Again

Elton John e Randy Newman per due volte nella shortlist degli Oscar

Articolo Successivo
Maluma ha rinnovato il suo contratto mondiale con Sony

Maluma ha rinnovato il suo contratto mondiale con Sony

Articoli correlati
Total
0
Share