TIMMUSIC, gli artisti e i brani più ascoltati nel 2021

Da sangiovanni a Blanco, dai Maneskin a Rkomi, fino a Fedez, Achille Lauro e Orietta Berti, gli utenti dell’app di streaming premiano soprattutto il sound italiano
sangiovanni TIMMUSIC
sangiovanni, foto di Mattia Guolo

Malibu di Sangiovanni, Zitti e buoni dei Måneskin e Mille di Fedez, Achille Lauro e Orietta Berti. Sono questi i brani più ascoltati del 2021 su TIMMUSIC e il sound italiano, inoltre, si conferma il più ascoltato del 2021 sulla piattaforma. Sul podio, infatti, troviamo tre album italiani: Taxi Driver di Rkomi, l’omonimo EP di sangiovanni e Blu Celeste di Blanco.


Su TIMMUSIC, inoltre, sono stati lanciati di recente tre nuovi format: l’Artista del Mese, l’Artist Day e “Il Suono del Cambiamento”. Il primo ha visto protagonista Ultimo, artista che ha totalizzato più streaming sulla piattaforma nel mese di novembre.


Per quanto riguarda invece l’Artist Day, i protagonisti del format sono stati Rocco Hunt con Rivoluzione, il suo ultimo album uscito a novembre, e Guè, con il suo recentissimo progetto GVESVS.

Infine “Il Suono del Cambiamento”, il format con cui TIMMUSIC racconta i temi che stanno veramente a cuore ai giovani. Tra questi: ecologia, salute mentale, inclusione e parità di genere. Il primo artista a prendere parte al format è stato sangiovanni, che con il suo brano Perso nel buio, in collaborazione con Madame, racconta quanto sia difficile crescere sotto i riflettori.

TIMMUSIC, con un catalogo di oltre 50 milioni di brani costantemente aggiornati, permette di ascoltare le proprie canzoni preferite senza consumare Giga. Inoltre, sull’app sono disponibili tantissimi contenuti esclusivi, oltre alle playlist suddivise per generi, mood e momenti della giornata, da condividere anche sugli amici attraverso i principali social network.


Articolo Precedente
Coldplay

I Coldplay annunciano lo stop a nuova musica dal 2025

Articolo Successivo
Thaurus - intervista Ciro Buccolieri - foto di Lorenzo Villa

Nella tana di Thaurus con Ciro Buccolieri: «Il segreto? Cercare di essere veri, sempre»

Articoli correlati
Leggi di più

Claudio Trotta: intervista a mr. Barley Arts

Poche persone in Italia hanno un'autorevolezza nel campo della musica dal vivo pari a quella di Claudio Trotta, colui che nel 1979 ha dato vita a una delle aziende indipendenti di organizzazione di concerti più longeve in Italia e nel mondo: Barley Arts
Total
1
Share