Nasce Radioplayer Italia, la prima app gestita dalle radio italiane

Player Radio Editori e Radioplayer Worldwide hanno firmato l’accordo per creare “Radioplayer Italia”, un’app con tutti i servizi gestiti dalle radio
Nasce Radioplayer Italia, la prima app gestita dalle radio italiane

A breve i 44 milioni di ascoltatori settimanali radiofonici avranno a disposizione un accesso più semplice, rapido e innovativo a tutti i servizi radio, dallo streaming ai podcast, grazie ad un’unica app totalmente gratuita: RadioPlayer Italia.


Player Radio Editori ha scelto come partner tecnologico per realizzare questa applicazione, gestita direttamente dalle emittenti radio italiane, Radioplayer Worldwide.


Lo scorso lunedì 21 ottobre, a Milano, è stato firmato il contratto di licenza tra PER Srl, società che raggruppa tutte le emittenti radiofoniche italiane, e Radioplayer Worldwide, già partner di dieci consorzi nazionali nel mondo, tra cui Regno Unito, Germania e Canada. L’organizzazione mette a disposizione innovazione e ricerca tecnologica per sviluppare e promuovere l’interfaccia radio dei dispositivi. PER apre così il mercato italiano a una rete di alleanze e di know-how in rapida diffusione nell’Unione Europea.

«Oggi avviamo un’operazione di sistema che rafforza e tutela il bene comune radio sul web. Presto i nostri ascoltatori avranno un accesso unificato a centinaia di stazioni su tutti i device: mobile, desktop, in-car e in-house. La radio è un media potente e in costante evoluzione» ha dichiarato Lorenzo Suraci, Presidente di PER srl.

Nascono così il primo aggregatore IP voluto dalle emittenti italiane e un’app gratuita che promette di non “esportare” i dati personali degli utenti. Presto si apriranno le adesioni di tutte le radio interessate, di ogni tipo e dimensione.

«Contiamo di lanciare al più presto l’app su tutta la filiera digitale: connected cars, smart speakers, smart watches, smart TV, speakers wifi, oltre a smartphone, tablet e pc. Ma i contenuti restano quelli nativi: nessuna intromissione, niente pubblicità indebita. La Radio si evolve restando se stessa» ha aggiunto Michele Gulinucci, direttore di PER.


Articolo Precedente
Club to Club raccontato da chi lo pensa e lo organizza

Club to Club raccontato da chi lo pensa e lo organizza

Articolo Successivo
Guarda in anteprima il video di Skins di Bjrg

Guarda in anteprima il video di "Skin" di BJRG

Articoli correlati
Leggi di più

2018, fine del monopolio Siae: ecco cosa cambia

Il “liberi tutti” è arrivato poco prima che piombasse sull'Italia una multa dell'Unione europea ma alla fine anche Roma si è decisa: il monopolio sulla gestione dei diritti d'autore non esiste più. Dal 2018 la Siae potrà incontrare sul suo cammino uno o più concorrenti

Total
11
Share