NFT: Doja Cat lancia una piattaforma di compravendita di token

Il marketplace della popstar si chiamerà Juicy Drops e sarà attiva da venerdì 23 aprile in partnership con Intellectable Holdings
Doja Cat - NFT - foto di Jamal Peters - 2
Foto di Jamal Peters

Doja Cat ha deciso di buttarsi nel dinamico mercato dei non-fungible token. Lo fa con il lancio – questo venerdì – di una piattaforma da lei curata, di nome Juicy Drops, e con la prima serie di suoi NFT.

Juicy Drops è una partnership con Intellectable Holdings, una nuova azienda specializzata in NFT e fondata da Shannon Schlappi. Il manager musicale di esperienza ventennale in passato ha lavorato in aziende come Etix, Eventbride e Doomtree Records. Juicy Drops punta a dare nuova linfa agli NFT (che sono sostanzialmente pezzi da collezione comprati e venduti tramite tecnologia blockchain) aggiungendo un incentivo extra per gli acquirenti. Infatti, chi compra tutti i pezzi di una collezione avrà accesso esclusivo ad altri lanci limitati.

Il lancio di Juicy Drops

«Sto contribuendo al lancio della mia società di NFT per poter davvero possedere e controllare la mia arte», ha detto Doja Cat. «Voglio essere nella condizione di prendere tutte le decisioni relative alla mia visione creativa e di aiutare altri artisti a fare lo stesso. Questo mi consente anche di gestire le modalità con cui sostenere le cause che mi stanno a cuore».

Doja Cat inaugura Juicy Drop questo venerdì (23 aprile) con una serie di NFT in collaborazione con il designer di giocattoli Boomtronic. Gli NFT si ispirano alle sue performance del mese scorso ai Grammy Awards (dove era in nomination per tre premi, fra cui Best New Artist). Raffigurano una grafica metallizzata e rotante di Doja Cat in una cornice dorata, oltre a immagini del suo gatto Raymus.

Ci sono sei varianti di colore dell’NFT, offerte in pacchetti di prezzo e quantità diversi. Il “Metallic Tier” offre solamente dieci NFT “Platinum”, cinquanta “Gold” e cento “Silver”. Il “Flavor Tier” offre 500 pezzi per ogni NFT chiamato “Black Cherry”, “Watermelon” e “Plumb”.

I fan che collezionano tutte le sei versioni possono sbloccare un NFT “Mistery”, che non sarà messo in vendita al pubblico. Il lancio include anche la possibilità di ottenere degli extra come il pacchetto VIP per il tour di Doja Cat del 2022.

Nonostante Juicy Drops sia una piattaforma funzionale a sé stante, la più celebre OpenSea farà da partner per il lancio iniziale di venerdì. «Doja Cat è la prima artista donna molto famosa a lanciare NFT su OpenSea. Siamo entusiasti di darle il benvenuto sulla piattaforma», ha detto Alex Atallah, co-founder e CTO di OpenSea. «Pensiamo che la tecnologia blockchain e gli NFT possano aprire un’ampia gamma di opportunità per l’industria musicale. Non vediamo l’ora di osservare come il suo pubblico reagirà ai contenuti».

La visione per il futuro

In futuro Juicy Drops lavorerà con artisti musicali, atleti e altri creativi su lanci di NFT per i loro fan a livello globale. Juicy Drops accetta solamente ctiptovaluta Ethereum, per cui i fan – per partecipare – dovranno avere un wallet legato a quella rete. Benché sia difficile da accertare, i nuovi partner sostengono che la creazione di Juicy Drops faccia di Doja Cat la prima artista – e la prima donna – a lanciare una piattaforma di NFT.

«È un onore e un privilegio collaborare con Doja Cat su Juicy Drops», ha aggiunto Schlappi. «È qualcosa di davvero speciale la nostra condivisa visione per il futuro della musica e dei pezzi da collezione con l’utilizzo di un modello di distribuzione pienamente trasparente che consente agli artisti di massimizzare il potenziale del loro capitale creativo. Vogliamo dare la possibilità ad artisti di oggi e di ieri di riprendere il controllo del proprio business attivando NFT relativi a video, musica, esperienze e anche ticketing. Le opportunità rappresentate dagli NFT nello spazio musicale sono davvero illimitate e siamo entusiasti di far parte di quel futuro».

Articolo Precedente
Kiss, Kevin Winter, Getty Images for ABA

Paul Stanley conferma che Netflix sta trattando per un biopic sui Kiss

Articolo Successivo
Zero

"Zero", storia di integrazione che parla anche attraverso la musica


Articoli correlati
Total
4
Share