Onda Måneskin: nel 2021 export musicale italiano quasi raddoppiato rispetto all’anno prima

La FIMI registra numeri di guadagni in fortissima crescita l’anno scorso per il consumo di musica italiana all’estero, sia sullo streaming che nelle royalty in generale
Maneskin
Måneskin, foto di Will Heath/NBC

Numeri da record durante il 2021 per la musica italiana all’estero, con un incremento dei ricavi quasi raddoppiato rispetto al 2020. Da 11 milioni di euro a 19.1, come riporta FIMI (Federazione Industria Musicale Italiana) in un comunicato stampa diffuso oggi, mercoledì 23 febbraio.


La musica italiana all’estero ha sempre trovato un suo spazio: che fossero artisti italiani che ripropongono i loro successi in lingue straniere, o grandi classici come Volare e L’italiano che diventano famosi in tutti i paesi con forte presenza di immigrazione italiana.


Oggi però non si tratta più di canzoni cult o brani riadattati per uno specifico mercato: la nostra produzione musicale conquista gli altri paesi. La FIMI ne è testimone, avendo registrato un aumento fortissimo tra il 2020 e il 2021. La crescita degli stream, principale fonte delle revenue, è stata dell’83%, ma anche i ricavi delle royalties su CD e vinili, saliti del 100%, non sono da poco.

Fenomeno Måneskin

Sicuramente questo aumento è da imputare al grande successo dei Måneskin, grandi protagonisti dell’anno scorso. La band romana è diventata nel giro di un anno un vero e proprio fenomeno globale, con ascoltatori in tutto il mondo. Dal successo a Sanremo alla vittoria all’Eurovision, dall’apertura del concerto dei Rolling Stones a Las Vegas all’ospitata al Saturday Night Show. Il loro rock ha conquistato le classifiche internazionali, suscitando forse interesse anche per il resto del panorama italiano. A settembre, per esempio, l’attesissimo esordio di Blanco Blu Celeste gli è valso un terzo posto nella classifica Spotify Global Album Debut.

FIMI Road to ESCITA

Per celebrare e analizzare questi risultati della discografia italiana nel mondo, la FIMI ha organizzato il format Road to ESCITA. Tre appuntamenti in un percorso di warm up verso l’Eurovision 2022, che si terrà a Torino dal 10 al 14 maggio. Road to ESCITA sarà trasmesso in streaming dai canali social Facebook e LinkedIn della federazione, e vedrà la partecipazione di giornalisti e addetti ai lavori. Il primo appuntamento è per il 28 febbraio alle 16:30, con la puntata “Stairway to Eurovision: da Sanremo ai palchi internazionali”.


Articolo Precedente
Marracash

Marracash, 11 sold out e nuove date per il suo "Persone Tour"

Articolo Successivo
Sfera Ebbasta - Spotify Wrapped 2021

Sfera Ebbasta, rinviato a settembre e ottobre il tour nei palazzetti

Articoli correlati

Total
2
Share