Deezer, il servizio di streaming musicale con sede a Parigi, ha rivelato di aver terminato il 2018 con 7 milioni di utenti paganti. Gli utenti mensili attivi sono 14 milioni.

In un’intervista pubblicata su Music Ally, il CEO di Deezer Hans-Holger Albrecht ha anche rivelato che quest’anno la società sta per arrivare a circa 400 milioni di dollari di entrate. La piattaforma ha raccolto 185 milioni di dollari dagli investitori in un precedente round di finanziamento. La sua valutazione è così arrivata a circa 1,16 miliardi.

Nel 2018 Deezer ha anche fatto una serie di importanti spinte nei territori emergenti. In agosto, la società ha stretto una partnership con il colosso arabo Rotana. Lo scopo? Distribuire i contenuti audio e video della compagnia dell’Arabia Saudita in Medio Oriente e in Nord Africa. Due mesi dopo, è stato lanciato ufficialmente nella regione del Medio Oriente e del Nord Africa.

«I numeri sono abbastanza solidi e vedremo cosa aggiungerà questa nuova regione il prossimo anno», ha detto Albrecht, che ha riconosciuto di essere «il più piccolo dei più grandi» servizi di streaming, rispetto a Spotify (87 milioni di abbonati a pagamento), Apple Music (56 milioni) e Amazon Music, che non ha ancora rivelato i suoi numeri.