David Bowie: venduto il catalogo per 250 milioni di dollari

A pochi giorni da quello che sarebbe il suo 75° compleanno, gli eredi del genio della pop music hanno chiuso l’accordo con Warner Chappell Music
David Bowie - Hunky Dory - foto di Brian Ward
Foto di Brian Ward

Non si ferma il bollente mercato delle vendite dei cataloghi dei grandi artisti. Come riportato da Variety, gli eredi di David Bowie hanno venduto a Warner Chappell Music (divisione publishing del gruppo Warner Music) i diritti editoriali dell’intero catalogo dell’artista, per un totale di circa 250 milioni di dollari. È l’ultima operazione di questo tipo dopo l’annuncio da record di 500 milioni di dollari per la vendita del catalogo di Bruce Springsteen.


Il deal sul catalogo di Bowie

L’accordo riguarda i 26 album in studio pubblicati da David Bowie nel corso della sua vita, compresi quelli pubblicati con Sony Music dal 2000 al 2016. Ma anche i due album con la band Tin Machine, il postumo Toy e lavori realizzati per colonne sonore e altri progetti.


Bowie è autore di classici senza tempo come Heroes, Space Oddity, Life on Mars?, Starman, Rebel Rebel. Fra le altre cose, ha anche firmato la storica All the Young Dudes dei Mott The Hoople e co-scritto Under Pressure dei Queen.

La notizia arriva a ridosso di quello che sarebbe il 75° compleanno dell’artista, sabato 8 gennaio. La campagna “Bowie 75” comprende l’apertura di vari pop-up store (in Italia si segnala quello di Discoteca Laziale a Roma), l’uscita in picture disc dell’album Hunky Dory (di cui cade il 50° anniversario) e l’uscita di Toy:Box (già parte del cofanetto Brilliant Adventure, fuori da novembre), contenente versioni riregistrate di brani della primissima stagione della sua carriera.

Inoltre, secondo Variety, già questo mese potrebbe vedere la luce un nuovo film sulla vita di Bowie. Lo ha realizzato, a partire da migliaia di ore di riprese anche inedite, il regista Brett Morgen (già autore del documentario su Kurt Cobain: Montage of Heck). Morgen vi lavora da quattro anni, avvalendosi della direzione musicale di Tony Visconti, storico produttore di David Bowie.

I commenti sull’operazione

«Siamo tutti immensamente fieri che la David Bowie Estate abbia scelto noi come custodi di uno dei cataloghi più rivoluzionari, influenti e duraturi della storia della musica», ha commentato Guy Moot, co-presidente e CEO di Warner Music Chappell. «Queste sono non solo canzoni straordinarie, ma pietre miliari che hanno cambiato per sempre il corso della musica moderna. […] Non vediamo l’ora di prenderci cura di questo corpus musicale senza paragoni e di perpetuare il lascito di questo incredibile essere umano».

«Siamo davvero grati che la musica di David Bowie sia ora nelle esperte mani di Warner Chappell Music Publishing», ha aggiunto Allen Grubman, rappresentante della Estate di Bowie. «Siamo sicuri che se ne prenderanno cura con il più alto livello di dignità».


Articolo Precedente
Trevor Noah Grammy Awards

I Grammy Awards 2022 potrebbero essere rinviati a causa della variante Omicron

Articolo Successivo
The Weeknd

Jim Carrey ha definito il nuovo album di The Weeknd "profondo ed elegante"

Articoli correlati
Total
20
Share