Artist First, annunciata l’alleanza con Various Artists Management

Le due società hanno deciso di unire le forze per scoprire e sviluppare progetti italiani sul mercato globale
Claudio Ferrante Artist First
Claudio Ferrante, fondatore e CEO di Artist First

Artist First, società di distribuzione ed etichetta discografica, ha annunciato un nuovo accordo con Various Artists Management, società specializzata nella gestione artistica e nel management di artisti.


Le due società, dopo aver collaborato in passato, hanno deciso di riunire le forze. Lo faranno per scoprire e sviluppare i progetti di artisti italiani sul mercato globale.


«L’Italia sta attualmente vivendo un rinascimento musicale grazie in gran parte al successo dei Måneskin all’Eurovision Song Contest di quest’anno». A dirlo è Claudio Ferrante, fondatore e CEO di Artist First.

«Abbiamo già un ottimo rapporto con David Bianchi e il team di Various Artists Management e non vediamo l’ora di riunire i punti di forze delle nostre due società. Questo per creare maggiori opportunità, per gli artisti italiani, di raggiungere un pubblico globale».

A commentare l’unione tra le due società è anche David Bianchi, fondatore e CEO di Various Artists Management: «Artist First è una meravigliosa storia di successo in Italia. È stata in prima linea nell’innovazione nell’industria musicale per molti anni». E ha continuato: «Sono incredibilmente ambiziosi e desiderosi di costruire una presenza sul mercato internazionale. Quindi è un privilegio assoluto aver stretto questa allenza con loro e far parte si questo nuovo entusiasmante capitolo della loro storia. C’è un’incredibile scena italiana che merita un pubblico più ampio e stiamo unendo le forze per fare in modo che ciò accada».


Articolo Precedente
Finalisti X Factor 2021

X Factor 2021, le assegnazioni e i duetti della finale di stasera

Articolo Successivo
Tropico

Tropico, annunciate le date nei club d'Italia nel 2022

Articoli correlati
Leggi di più

Classifiche globali, quali prospettive per gli artisti italiani? Un’analisi

Pur minoritarie, diverse hit di artisti nostrani sono entrate nelle chart Billboard Global 200 e Billboard Global Excl. US dal loro lancio nel 2020. Mahmood e Blanco sono l’ultimo esempio di un trend iniziato con i successi duraturi di Måneskin e Meduza. Cosa determina il posizionamento nelle fasce alte di quelle classifiche? Cosa aspettarci per il futuro? L’abbiamo chiesto direttamente ai colleghi americani e a MRC Data

Total
1
Share